Supermercato di Amsterdam ha inaugurato il primo reparto al mondo di generi alimentari privi d’imballaggi di plastica

Acquirenti nei Paesi Bassi avranno la possibilità di utilizzare il primo reparto del supermercato senza plastica in Europa in quello che gli attivisti sostengono, essere un punto di svolta nella guerra all’inquinamento plastico.
Il supermercato di Amsterdam dal 28 febbraio 2018 alle ore 11:00, per gli acquirenti ha messo in vendita oltre 700 prodotti senza plastica, tutti disponibili in un reparto. L’iniziativa arriva nel pieno della crescente preoccupazione globale per il danno che i rifiuti di plastica stanno causando agli oceani, agli habitat e alle catene alimentari. Gli scienziati avvertono che l’inquinamento plastico è ormai così diffuso che rischia di causare una contaminazione permanente del mondo naturale.
L’indagine condotta dal Guardian all’inizio di quest’anno ha rivelato che i supermercati britannici erano una fonte importante di rifiuti di plastica, con una produzione di 1 milione di tonnellate l’anno. Gli attivisti negli ultimi 12 mesi hanno chiesto a tutti i supermercati di aprire un reparto privo di plastica.
Sian Sutherland, co-fondatore di “A Plastic Planet”, il gruppo che ha lanciato la campagna, ha detto:
«L’apertura del reparto senza plastica rappresenta un momento di riferimento per la lotta globale contro l’inquinamento plastico. Gli acquirenti per decenni sono stati esposti alla menzogna che per i contenitori di alimenti e bevande non possiamo fare a meno della plastica. Il reparto privo di plastica sfata tutto questo».
Il reparto è stato aperto nella filiale di Amsterdam della catena olandese dei supermercati Ekoplaza. L’azienda afferma che entro la fine dell’anno realizzerà reparti simili in tutte le sue 74 filiali.
Erik Does, amministratore delegato di Ekoplaza, il mese scorso ha lavorato per la campagna, ha detto:
«L’iniziativa è un importante trampolino di lancio verso un futuro più luminoso per il cibo e le bevande. Sappiamo che i nostri clienti sono stanchi di prodotti confezionati in imballaggi di plastica. I reparti senza plastica davvero innovativi offrono la possibilità di testare i biomateriali compostabili che offrono un’alternativa più ecologica all’imballaggio di plastica».
Il reparto avrà più di 700 prodotti privi di plastica, tra cui carne, riso, salse, latticini, cioccolato, cereali, yogurt, snack, frutta e verdura fresca. I promotori della campagna affermano che rispetto ai prodotti imballati in plastica, le derrate non saranno più costose ma scalabili e convenienti, utilizzando, se necessario, imballaggi biodegradabili alternativi invece di eliminare completamente gli imballaggi. I reparti saranno un banco di prova per i nuovi biomateriali biodegradabili innovativi e materiali tradizionali come vetro, metallo e cartone“.
Sian Sutherland ha detto:
«Non c’è assolutamente alcuna logica nell’avvolgere qualcosa di fugace come il cibo in qualcosa d’indistruttibile come la plastica. L’imballaggio di alimenti e bevande di plastica rimane utile per qualche giorno, ma per secoli resta una presenza distruttiva sulla Terra».
Il settore della vendita al dettaglio di generi alimentari secondo i promotori della campagna rappresenta oltre il 40% di tutti gli imballaggi di plastica. Il recente sondaggio Populus ha rivelato che il 91% dei britannici è favorevole all’introduzione di reparti senza plastica.
L’indagine del Guardian sull’impronta plastica dei supermercati ha rivelato che i principali negozi britannici producono ogni anno oltre 800.000 tonnellate di rifiuti d’imballaggi di plastica. Tesco, Sainsbury’s, Morrisons, Waitrose, Asda e Lidl hanno rifiutato di divulgare informazioni sulla loro produzione di plastica, dicendo per lo più che i dati sono “commercialmente sensibili”.
Theresa May lo scorso mese nel definire le politiche ambientali del governo ha evidenziato la sfida all’inquinamento plastico. Ha individuato il ruolo dei supermercati, invitandoli a introdurre reparti privi di plastica. E’ stata criticata per non aver sostenuto la sua richiesta con misure concrete.
Sian Sutherland in conclusione ha detto:
«Gli attivisti hanno trattative in corso con tutti i principali supermercati britannici, ma, finora, nessuno si è impegnato a introdurre un reparto privo di plastica.
I più grandi supermercati d’Europa devono seguire l’esempio di Ekoplaza, appena possibile introdurre reparti senza plastica per aiutare a chiudere la “fuoriuscita di plastica” dal rubinetto».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento