Perché Teheran sta pericolosamente affondando?

L’Iran ha un problema con l’acqua, le riserve in molti bacini sotterranei sono state gravemente esaurite. Il paese negli ultimi quarant’anni ha investito molto nel settore agricolo e si sta impegnando per essere indipendente nel suo approvvigionamento alimentare.
I bacini delle acque acquifere al fine di coprire l’aumento della domanda d’acqua, poco regolamentati dallo Stato sono stati sfruttati in misura considerevole. Il governo ha costruito molte dighe per immagazzinare acqua per scopi specifici, in particolare in agricoltura. Il ristretto afflusso naturale nei bacini idrici sotterranei del paese, a sua volta negli ultimi ha contribuito all’aumento della  desertificazione con frequenti tempeste di sabbia nella provincia del Khuzestan nel sud-ovest, causando anche gravi problemi ambientali al Lago Urmia, il secondo lago salato più grande al mondo nell’Iran nord-occidentale.
La domanda di acqua nella regione di Teheran, capitale di otto milioni di abitanti, negli ultimi quaranta anni è aumentata a causa nel notevole afflusso di nuovi abitanti. Il numero di pozzi è salito da poco meno di 4.000 nel 1968 a più di 32.000 nel 2012. Inoltre, negli ultimi anni per mancanza di precipitazioni si sono verificati più frequentemente i periodi di siccità. Tutto ciò ha notevolmente abbassato il livello delle falde acquifere, a Teheran, ad esempio, tra il 1984 e il 2011 il livello è sceso di dodici metri.

La superficie in alcune parti di Teheran è affondata di diversi metri
Il terreno sopra i bacini delle acque sotterranee sta affondando. Mahdi Motagh e Mahmud Haghshenas Haghighi ricercatori della Remote Sensing Section del GFZ German Research Center for Geosciences nella città di Potsdam (vicino a Berlino), hanno riportato l’entità di questo effetto in uno studio pubblicato sulla rivista Remote Sensing of Environment.
I due ricercatori utilizzando i dati di quattro diversi sistemi radar satellitari, hanno misurato la subsidenza (è un lento e progressivo sprofondamento del fondo di un bacino marino o di un’area continentale) della superficie terrestre nella regione di Teheran. Hanno scoperto che tra il 2003 e il 2017 sono affondate tre aree con tassi a volte superiori a 25 centimetri l’anno.
Lo studio per la prima volta ha ripercorso in dettaglio e con misurazioni precise il decorso temporale della subsidenza nella regione per un periodo più lungo. Mahdi Motagh e Mahmud Haghshenas Haghighi hanno detto:
«Le fenditure nel terreno e le crepe nei muri delle costruzioni sono, ad esempio, le conseguenze delle deformazioni. Abbiamo scoperto che i bacini di acque sotterranee in alcune aree sono stati irreversibilmente danneggiati dallo sfruttamento. In futuro, non saranno in grado di immagazzinare più acqua di prima. Tuttavia, i piani scientificamente validi per la gestione dell’acqua potrebbero aiutare a disinnescare la situazione. La scienza e la ricerca potrebbero sostenere le amministrazioni e i governi iraniani a rivedere la loro politica di gestione delle risorse idriche per uno sviluppo sostenibile».

Dati in tempo reale per monitorare il rischio di danni causati dal processo geologico
Mahdi Motagh e Mahmud Haghshenas Haghighi per la loro analisi, hanno utilizzato il metodo di interferometria radar InSAR (Radar ad apertura sintetica interferometrica), con questa tecnica, i segnali radar ad alta precisione registrati dai satelliti possono essere utilizzati per creare immagini della topografia della superficie terrestre.
I due ricercatori per documentare i cambiamenti a breve e lungo termine della superficie terrestre ai cambiamenti nei livelli delle acque sotterranee nel periodo dal 2003 al 2017 hanno utilizzato e combinato i set di nove serie di dati ottenuti dai sistemi satellitari Envisat ASAR, ALOS PALSAR, TerraSAR-X e Sentinel-1.
Mahdi Motagh ha detto:
«Le immagini satellitari della missione Sentinel-1 sono state di particolare importanza: dal 2014 ogni 24 giorni e dal 2016 ogni 12 giorni hanno fornito immagini radar ad alta risoluzione dalla distanza di 250 chilometri dalla regione di Teheran. Ciò consente quasi in tempo reale di analizzare i rischi geografici, come la subsidenza del terreno».
I due ricercatori in seguito sempre con Sentinel-1 desiderano espandere la propria area di ricerca e misurare la subsidenza del territorio al di fuori di Teheran.
Mahmud Haghshenas Haghighi in conclusione ha detto:
«Lo sfruttamento di tali dati per affrontare la subsidenza su vaste aree porta nuove sfide che devono essere affrontate sviluppando strumenti avanzati per l’estrazione di enormi flussi di immagini radar».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →