Nuovo dispositivo per identificare le specie di zanzare che diffondono il virus Zika e altre malattie

Il nuovo strumento diagnostico è stato sviluppato per identificare rapidamente e a basso costo una specifica specie di zanzara portatrice di malattie, tra cui il virus Zika. Il dispositivo realizzato dall’Università del Texas ad Austin può anche determinare se la zanzara è entrata in contatto con un parassita di nome Wolbachia, un genere di batteri che impedisce alle zanzare di diffondere malattie.
Lo strumento diagnostico utilizza uno smartphone, una piccola scatola stampata in 3D e un semplice test chimico per mostrare se una zanzara morta appartiene alle specie Aedes aegypti, portatrice di alcune malattie tropicali come la dengue e la chikungunya o febbre gialla.

Dispositivo per identificare zanzare con virus Zika
Il test determina se una zanzara morta appartiene alla specie Aedes aegypti (Vivian Abagiu / Università del Texas ad Austin)

Ogni anno oltre a colpire circa 100 milioni di persone in tutto il mondo, questa specie dal 2004 è anche strettamente legata al triplicarsi dei casi di malattie trasmesse dalle zanzare negli Stati Uniti.
Sanchita Bhadra ricercatrice del Dipartimento di genetica molecolare e microbiologia dell’Università del Texas ad Austin, ha detto:
«Molte di queste malattie si stanno diffondendo in aree, dove prima non erano comuni. Avere una vigilanza è importante in relazione a qualsiasi tipo di epidemia, questo metodo permette un test rapido sul campo».
La ricerca è stata pubblicata sulla rivista PLOS Neglected Tropical Diseases. Lo strumento rileva anche la presenza di un biopesticida chiamato Wolbachia: nei paesi di tutto il mondo e in 20 Stati americani, dove è presente la zanzara Aedes aegypti, gli scienziati che lavorano nelle agenzie sanitarie pubbliche hanno iniziato a infettare le zanzare con la Wolbachia introducendo i batteri in una popolazione locale di zanzare per aiutare a frenare la trasmissione dei virus.
I ricercatori dell’Università del Texas ad Austin nello studio hanno rilevato che le zanzare non mostrano segni esteriori di avere i batteri, gli attuali test diagnostici sono difficili da leggere, costosi e logisticamente ingombranti. Il nuovo strumento ha il potenziale per fornire un rilevante passo avanti per chi spera di monitorare l’efficacia della Wolbachia.
Sanchita Bhadra ha aggiunto:
«Il test per assicurarsi che la Wolbachia sia efficace e si diffonda come previsto, può essere fatto senza coinvolgere molto personale e attrezzature».
I gruppi di sanità pubblica impegnati nel monitoraggio catturano e uccidono regolarmente le zanzare ma la tecnologia esistente, rispetto al nuovo dispositivo, richiede un complesso procedimento per estrarre l’acido nucleico dalle zanzare, spesso dopo che queste sono morte da giorni e hanno iniziato a decomporsi, con conseguenti maggiori spese e la possibilità di incorrere in più errori nei test di laboratorio.
Il nuovo dispositivo diagnostico utilizza la fotocamera di uno smartphone e un semplice test che può essere fatto ovunque. Verifica l’acido nucleico delle zanzare senza richiedere un lavoro complicato per rimuoverlo. Chiamato “amplificazione isotermica loop-mediata e spostamento del filamento di oligonucleotidi”, o OSD LAMP, per mezzo di una sonda fornisce su un cellulare una lettura inequivocabile “si” o “no”, con una precisione superiore al 97%.
Il team di ricercatori oltre ai test per individuare le specie di zanzare infettate con la Wolbachia, sta anche esplorando l’uso della tecnologia per identificare facilmente se le zanzare catturate sono portatrici di Zika, dengue e altri agenti patogeni.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →