La stimolazione dell’orecchio può aiutare a gestire i sintomi del Parkinson

Il nuovo studio, intitolato “Stimolazione vestibolare calorica per la gestione dei sintomi motori e non motori nella malattia di Parkinson” è stato pubblicato sulla rivista Parkinsonism and Related Disorders, ha dimostrato che una delicata e controllata stimolazione del condotto uditivo può aiutare a ridurre i sintomi del morbo di Parkinson.
Lo studio randomizzato e controllato, condotto dall’Università del Kent, nel Regno Unito, ha mostrato che la stimolazione dell’orecchio due volte il giorno per due mesi era associata a una rilevante riduzione delle caratteristiche sia motorie sia non motorie del morbo di Parkinson.
I partecipanti oltre a riferire un maggiore movimento e mobilità, hanno anche mostrato miglioramenti nel processo decisionale, attenzione, memoria, umore e sonno. Hanno anche affermato che alla fine dello studio hanno trovato più facile svolgere le attività quotidiane da soli.
La maggior parte dei benefici terapeutici è stata massima cinque settimane dopo la fine del trattamento, suggerendo che potrebbe avere effetti a lungo termine. La terapia di stimolazione è stata eseguita a casa utilizzando un auricolare portatile prodotto esclusivamente per indagini cliniche da Scion Neurostim, una società di dispositivi con sede negli Stati Uniti. I partecipanti hanno continuato la normale terapia sostitutiva con dopamina durante l’utilizzo del dispositivo “facile da usare”.
Lo studio, diretto dal team del professor David Wilkinson alla Kent’s School of Psychology, è stato condotto su 46 persone con malattia di Parkinson. La ricerca è stata supportata dal dott. Mohamed Sakel, direttore del servizio di neurosufficienza del NHS nel Kent orientale e dal dott. Mayur Bodani, neuropsichiatra consulente, Kent & Medway NHS e Social Care Partnership Trust, Regno Unito. L’aiuto nel reclutamento dei partecipanti è stato fornito dall’ente benefico nazionale Parkinson’s UK.
Il professor David Wilkinson ha dichiarato:
«Lo studio indica la possibilità che alcuni aspetti della malattia di Parkinson possano essere gestiti meglio a condizione che le terapie farmacologiche tradizionali siano combinate con una stimolazione delicata e non invasiva degli organi dell’equilibrio».
La dottoressa Beckie Port, responsabile della ricerca presso il Parkinson nel Regno Unito, ha dichiarato:
«I risultati di questo studio su piccola scala sono molto interessanti, mentre sono necessarie successive ricerche per capire meglio come funziona questo tipo di stimolazione non invasiva per il nervo nell’orecchio, è molto promettente per alleviare i sintomi fastidiosi che molte persone sperimentano con il Parkinson».
Il professor Ray Chaudhuri, direttore del National Parkinson Foundation Centre of Excellence del King’s College Hospital, ha dichiarato:
«I risultati sono molto incoraggianti. Raggiungere sia l’efficacia diffusa sia miglioramenti durevoli negli aspetti motori e specificamente non motori della malattia di Parkinson è una novità, i miglioramenti nei sintomi non motori  sono particolarmente notevoli.
I sintomi sono spesso non trattati o scarsamente trattati e hanno un impatto particolarmente dannoso sulla qualità della vita, il loro trattamento è un’esigenza fondamentale non soddisfatta. Sono incuriosito e voglio vedere, dove potrebbe andare la tecnologia di questo dispositivo».
I risultati si basano su altri lavori condotti dal gruppo di ricerca del professor David Wilkinson presso la School of Psychology di Kent, ha dimostrato che una leggera stimolazione dell’orecchio interno può anche migliorare i sintomi neurologici associati a ictus e lesioni traumatiche al cervello.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →