Nuova molecola a base di zucchero distrugge i virus resistenti ai farmaci

I virus non sono facili da uccidere, soprattutto in un modo che non influisce sulle nostre cellule. La maggior parte dei farmaci e dei prodotti chimici che possono distruggere i virus, poiché hanno un impatto minore o maggiore sul nostro corpo, sono associati anche ad una serie d’effetti collaterali sulla salute umana, quindi uno dei metodi più comuni nella gestione dei virus è quello di non ucciderli ma interrompere la loro capacità di infettare le cellule o moltiplicarsi.
Il nuovo documento descrive lo sviluppo di una nuova molecola a base di zucchero che distruggerà realmente questi agenti patogeni, lasciando intatte le nostre cellule.

Morte appiccicosa
I ricercatori Samuel Jones e Valeria Cagno, principali autori dello studio, “Ciclodestrine modificate come antivirali ad ampio spettro”, pubblicato sulla rivista Science Advances, hanno detto:
«Abbiamo progettato con successo una nuova molecola, uno zucchero modificato che presenta proprietà antivirali ad ampio spettro; poiché si tratta di un nuovo tipo d’antivirale e uno dei primi a mostrare efficacia ad ampio spettro, ha il potenziale per cambiare le carte in tavola nel trattamento delle infezioni virali».
I farmaci non tossici che inibiscono irreversibilmente i virus (virucidi) sono considerati ideali. La finestra temporale tra la prima volta in cui un antivirale tradizionale entra in contatto con un virus e la sua morte offre al patogeno l’opportunità di sviluppare, difese. Il nuovo composto mira a combattere esattamente quel meccanismo. Ciò che è molto importante è che la molecola a base di zucchero è efficace contro molteplici tipi di virus ed è completamente innocua per le cellule umane.
Il team di ricercatori è partito dalle ciclodestrine, molecole presenti in natura legate al glucosio. Hanno poi ingegnerizzato queste molecole per attrarre i virus, attaccarsi alle loro membrane distruggendo efficacemente l’agente patogeno.
Il composto è stato testato su diversi tipi di virus, è stato efficace per herpes, HIV, epatite C, Zika e virus respiratorio sinciziale. I test hanno coinvolto sia prove di laboratorio che utilizzano colture di tessuti, sia topi vivi.
Il team in conclusione ha detto:
«Il viricida nel complesso è stato efficace e non ha danneggiato le cellule e i tessuti coltivati o vivi, abbiamo scoperto che i virus non erano in grado di sviluppare resistenza al composto. Il viricida a base di zucchero è il più promettente in uso contro i virus che hanno sviluppato una resistenza ad altri trattamenti. È già stato brevettato. Attualmente stiamo costituendo una nuova società per commercializzarlo, con l’obiettivo finale di sviluppare unguenti, spray nasali e altre possibilità di trattamento che si basano sulla molecola».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →