Le università canadesi alle prese con il fenomeno della prostituzione studentesca

Nell’ultimo anno, ci sono state più segnalazioni di un drammatico aumento dei creatori di contenuti su OnlyFans, una piattaforma con sede a Londra, Regno Unito, che offre un servizio di intrattenimento tramite abbonamento. I creatori di contenuti possono guadagnare denaro dagli utenti che si iscrivono ai loro contenuti, i fan, appunto. La piattaforma OnlyFans (è popolare anche tra le prostitute), ha registrato un enorme aumento degli utenti durante la pandemia: da 7,5 milioni (novembre 2019) a 85 milioni (dicembre 2020); alcuni nuovi utenti affermano di aver creato account per affrontare le difficoltà finanziarie durante la pandemia Covid-19.
La società Seeking (precedentemente SeekingArrangement) in Canada si definisce un “sito di incontri d’élite”, ha riferito nel gennaio di quest’anno su una pagina intitolata “Sugar Baby University” che oltre 350.000 studenti canadesi per pagarsi i libri, la retta e vivere in modo più agiato, hanno scelto di elevare la loro esperienza universitaria unendosi a Seeking, sito frequentato da persone molto ricche da potersi permettere un’amante a tempo pieno, alla quale pagano tutto, dall’affitto dell’appartamento alla retta dell’università.
Il termine “Sugar Baby” in una relazione è riferito al partner più giovane che dal “Sugar Daddy” il partner più anziano e più ricco riceve benefici come denaro o regali in cambio di sesso e compagnia. Seeking ha anche affermato che sul suo sito “il numero di universitari Sugar Baby in cerca di Sugar Daddy è aumentato di quasi il 3% rispetto all’anno precedente”. Ora scoraggia l’uso del termine “Sugar Baby”.

Cos’è il “lavoro sessuale”?
La gente anche se potrebbe essere più propensa a pensare al lavoro sessuale come alla prostituzione, la realtà è che è un’occupazione sempre più ampia che comprende qualsiasi forma di servizi sessuali forniti dietro compenso. È emerso che mentre alcuni studenti possono impegnarsi nella prostituzione studentesca, con l’aumento di piattaforme come OnlyFans e JustForFans, potrebbero anche partecipare alla pornografia online con il webcamming, impegnarsi come Cam girl nel lavoro sessuale dalla propria casa o dalle camere degli alloggi universitari.
Lo sviluppo di Internet ha completamente trasformato il nostro modo di fare affari e il “mestiere più antico” non fa eccezione. Il webcamming in un mondo di chat room online, è diventato una forma popolare di intrattenimento per adulti, è utilizzato per commercializzare qualsiasi cosa, dalla conversazione agli atti sessuali espliciti. E a differenza della pornografia o della prostituzione, non ci sono praticamente leggi che regolino questa forma di lavoro sessuale.

Perché gli studenti partecipano al lavoro sessuale?
Le stime internazionali suggeriscono che tra il 2,1% e il 7% degli studenti è impegnato nel lavoro sessuale. Gli studenti sono interessati al lavoro sessuale per molte ragioni, spesso è un ripiego occupazionale. Il lavoro sessuale può essere una scelta ottimale perché l’orario di lavoro è flessibile, permette in alcuni casi di essere datore di lavoro di sé stesso, garantisce salari più alti rispetto alle attività basate sui servizi come la vendita al dettaglio. Inoltre, gli atteggiamenti sociali sempre più liberale riguardo al sesso e alla sessualità possono far sentire alcuni studenti più a loro agio nel partecipare.
Il lavoro sessuale per alcuni studenti può essere stato scelto dopo aver avuto esperienze lavorative negative o non avere opzioni di lavoro valide; altri studenti possono aver sperimentato lo sfruttamento, l’abuso o l’abbandono, il che li porta a credere che il lavoro sessuale sia la loro unica opzione, anche gli studenti con debiti di prestito studentesco, possono essere particolarmente motivati a perseguire il lavoro sessuale.
Sebbene ci possa essere l’istinto di criminalizzare il lavoro sessuale o di sfidare gli atteggiamenti favorevoli al lavoro sessuale basati su questi fattori, la Canadian Public Health Association, gli esperti di diritti umani, i sostenitori del lavoro sessuale e i ricercatori, sottolineano che la propria energia è meglio utilizzarla per affrontare le motivazioni che spingono al lavoro sessuale piuttosto che punire coloro che partecipano.
Public Health Association (Associazione canadese per la salute pubblica), è attiva sia a livello nazionale sia internazionale. È la principale voce non governativa canadese dedicata esclusivamente alla salute pubblica.

Studenti internazionali
Gli studenti internazionali possono essere spinti al lavoro sessuale anche per sostenere il costo delle loro tasse universitarie, che sono in media da tre a cinque volte più alte di quelle degli studenti canadesi. La ricerca ha sottolineato che nonostante gli stereotipi secondo cui gli studenti internazionali provengono da ambienti benestanti, molti di loro, in particolare quelli che si iscrivono all’Istituto di istruzione superiore canadese cercando un percorso di immigrazione, spesso affrontano la precarietà economica, lottano per trovare alloggi a prezzi accessibili e sperimentano tassi più elevati di insicurezza alimentare rispetto ai loro coetanei nazionali.

I rischi del lavoro sessuale degli studenti che frequentano le scuole superiori
Il lavoro sessuale nonostante sia diventato più comune e diffuso, comporta anche dei rischi. Gli studenti che lo praticano hanno più probabilità di avere più partner sessuali e una maggiore prevalenza di infezioni trasmesse sessualmente rispetto ai loro coetanei che non lo praticano, e hanno anche più probabilità di un maggiore consumo di droga o dipendenza. Gli studenti che lavorano per il sesso sono più propensi a cercare servizi di supporto – in particolare di consulenza – rispetto ai loro coetanei che non lavorano per il sesso.
Inoltre, le persone 2SLGBTQ+ (in Canada include persone indigene con due spiriti e anche altre minoranze sessuali e di genere, oltre a individui lesbiche, gay, bisessuali e transgender), sono sovrarappresentate nelle popolazioni di studenti lavoratori del sesso, il che solleva domande su come possano ricevere assistenza nelle scuole superiori.
La Canadian Public Health Association riferisce che anche le comunità First Nations, Inuit e Métis sono sovrarappresentate nelle popolazioni di lavoratori del sesso più in generale in Canada, a causa dei continui effetti della colonizzazione, la ripartizione demografica degli studenti lavoratori del sesso potrebbe essere simile.
È emerso che mentre alcuni studenti lavoratori del sesso possono sentirsi a proprio agio nel rivelare il loro lavoro ai coetanei e possono farlo come un modo per gestire lo stigma e avere il controllo, altri possono evitare di farlo a causa dello stigma contro l’industria del sesso, portando all’isolamento sociale e alla potenziale dissonanza nella loro identità. Vale la pena considerare come la comunità e i valori culturali possano anche influenzare la scelta di uno studente lavoratore del sesso di rivelare il proprio lavoro, e aprirsi ai professionisti dei servizi agli studenti.

Contesto legale
Il contesto legale del lavoro sessuale in Canada è un po’ una zona grigia, anche se la legge Bill C-36 sulla protezione delle comunità e delle persone sfruttate, non criminalizza l’atto di vendere i propri servizi sessuali, criminalizza l’acquisto dei servizi sessuali di un’altra persona. Ciò crea uno status quasi criminalizzato per il lavoro sessuale, dove ogni volta che un servizio sessuale è fornito dietro compenso, si sta verificando un crimine, anche se gli stessi studenti lavoratori del sesso non sono colpevoli.
La legge Bill C-36 solleva questioni per le istituzioni della scuola superiore in termini di cosa fare se il lavoro sessuale si svolge nel campus (come in una residenza) o attraverso risorse istituzionali (pubblicità di servizi sessuali mentre si usa internet della struttura scolastica).
Gli istituti di istruzione superiore possono anche avere responsabilità legali se il traffico sessuale avviene nel campus. Tuttavia, è importante non confondere il lavoro sessuale – un’esperienza sessuale consensuale e una forma di lavoro – con il traffico di sesso, in cui qualcuno è costretto o obbligato a fornire servizi sessuali.

Supporto appropriato per studenti lavoratori del sesso
Canadian Public Health Association nei confronti del lavoro sessuale è concentrata sulle ragioni per cui le persone scelgono di svolgerlo, assicurando a coloro che sono impegnati in questo lavoro di non essere esclusi da supporti appropriati per il loro benessere. Ciò significa che è essenziale che i centri di benessere degli studenti tengano conto degli studenti lavoratori del sesso nella progettazione e nell’attuazione dei loro servizi, compresa la salute mentale e l’abuso di sostanze dopanti; allo stesso modo, i supporti a cui i lavoratori del sesso possono accedere devono anche essere culturalmente sensibili agli studenti 2SLGBTQ+ e i supporti del campus per gli studenti 2SLGBTQ+ devono avere una comprensione dei bisogni dei lavoratori del sesso.
Canadian Public Health Association mentre gli studenti affrontano i costi dell’istruzione superiore e universitaria sulla scia della pandemia di Covid-19, sottolinea:
«È necessario iniziare a prendere provvedimenti per affrontare le esigenze degli studenti lavoratori del sesso. Sotto l’aspetto della salute e del benessere, dobbiamo assicurarci che questa tipologia di studenti, sia presa in considerazione nella programmazione della promozione della salute e nei servizi sanitari».

, , , ,

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →