La gestione caotica del magazzino di Amazon è un esempio da seguire?

Amazon, il più grande rivenditore online al mondo, immagazzina i propri beni in un disordine caotico, ma è solo a prima vista perché dietro il caos apparente c’è ordine. Si chiama magazzino caotico. E’ quello che si può vedere nelle immagini di questa farmacia indiana (vedi foto) … Amazon ha fatto scuola.

Come funziona il magazzino caotico?
Un magazzino per lo stoccaggio caotico – a volte noto anche come deposito casuale – è fondamentalmente un sistema di scaffalature che contengono i prodotti, non è diverso da un magazzino con posizioni di archiviazione fisse. Ciò che rende un sistema di accumulo caotico così speciale è il flusso di materiale.
La merce arriva in sezione: il personale del magazzino prende le merci in entrata, dove sono collocati in posizione gli scaffali non occupati. Ogni spazio scaffale ha un codice a barre unico per ogni prodotto. Il personale utilizza lo scanner palmare per registrare lo spazio scaffale e il prodotto corrispondente, in modo da indicare al computer dove si trovano le merci; quando arriva un ordine per prelevare le merci, il computer elabora una lista di prelievo per mantenere aggiornato il database, ciò permette ai commissionatori di sapere esattamente dove si trovano gli spazi scaffale in cui i prodotti richiesti possono essere irreperibili.
Lo stoccaggio caotico non implica la memorizzazione automatica, anche se è possibile operare automaticamente, un sistema di stoccaggio caotico non è sempre la migliore alternativa. Amazon, per esempio, ha ancora bisogno di molta manodopera, l’ha verificato con una simulazione dei processi di stoccaggio, dove è risultato che più dell’automazione era economica l’assunzione di personale del magazzino.

Quali sono i vantaggi dello stoccaggio caotico?
I magazzini caotici sono molto più flessibili di quelli tradizionali, possono rispondere facilmente ai cambiamenti nella gamma di prodotti, ciò riduce la quantità di pianificazione perché né la gamma di prodotti nel suo complesso, né il volume delle vendite di beni particolari devono essere conosciute o previste in anticipo.
Inoltre, la conservazione caotica permette di utilizzare lo spazio di archiviazione disponibile in modo più efficiente, perché lo spazio liberato può essere ricaricato immediatamente. In un sistema di stoccaggio a posizioni fisse, d’altra parte, alcuni spazi scaffale sono sempre riservati per certi articoli, anche se le loro giacenze sono notevolmente inferiori.
Il deposito caotico è un risparmio di tempo, non solo quando si deve fare scorta di merci, ma anche durante il commissionamento. Le merci in entrata sono semplicemente collocate in spazi liberi sugli scaffali. Il computer poi ogni volta che qualcuno ordina i prodotti creerà le liste delle merci con gli itinerari ottimizzati. In questo modo, la distanza che il personale del magazzino dovrà coprire è più breve.
L’archiviazione caotica permette anche un minore addestramento professionale per i nuovi dipendenti perché non hanno necessità di memorizzare l’intera configurazione del magazzino o singole posizioni, in questo modo è più semplice per l’azienda sostituire il personale o assumere lavoratori stagionali nel periodo di maggior necessità.

Quali sono i requisiti per la conservazione caotica?
La maggior parte delle persone sarebbe portata intuitivamente a immagazzinare insieme i prodotti simili in conformità a caratteristiche predefinite, per esempio tutti i libri in una sezione del magazzino e tutti i giocattoli in un’altra sezione: in un sistema di stoccaggio caotico questo non è necessario. I prodotti devono solo condividere i requisiti di base in materia di stoccaggio (temperatura, umidità). Ulteriori caratteristiche non devono essere considerate.
In un magazzino caotico, tutti i tipi di articoli come libri, giocattoli, attrezzature sportive, elettronica, DVD, gioielli e macchine fotografiche digitali, possono trovarsi direttamente uno accanto all’altro. Fanno eccezione gli articoli in rapido movimento, perché non varrebbe la pena, la loro memorizzazione. Articoli come questi devono essere conservati separatamente. Merci deperibili non sono inoltre adatte per lo stoccaggio caotico.
Inutile dire che tutte le merci devono essere segnate con il codice a barre inserito nel database. Lo stesso vale per tutti gli spazi di stoccaggio possibili. Il computer ha anche bisogno di una sorta di mappa di tutto il magazzino, consente di calcolare e scegliere i percorsi ottimizzati.
Lo stoccaggio caotico è dipendente da un sistema di gestione affidabile del magazzino, se il computer si blocca o perde i dati, le operazioni di magazzino dovrebbero essere sospese fino a quando il problema è risolto.
E’ particolarmente interessante questo tipo di stoccaggio per i centri di distribuzione e gestione di un gran numero di elementi con piccoli stock ciascuno, questo di solito è il caso nel commercio al dettaglio online. Inoltre, gli ordini con articoli di diverse categorie sono un evento comune, quindi la loro memorizzazione in base alle categorie non produrrebbe alcun vantaggio. Piuttosto il contrario: lo staff di Amazon si prende cura di non collocare gli articoli della stessa categoria direttamente adiacenti. Ciò migliora la precisione della selezione perché la confusione è meno probabile.
Il termine deposito caotico” giustificato solo da un punto di vista del linguaggio umano, non è per nulla corretto dal punto di vista di un computer. Per un software di gestione del magazzino, un sistema di deposito caotico non è altro che una sequenza di calcoli e operazioni di database.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento