Inquinamento atmosferico collegato al rischio di perdita della vista progressiva e irreversibile (AMD)

L’ampio studio a lungo termine, pubblicato online nella rivista British Journal of Ophthalmology riporta che l’inquinamento atmosferico è collegato a un rischio aumentato di perdita progressiva e irreversibile della vista, nota come degenerazione maculare legata all’età (AMD in breve). I ricercatori hanno detto che la conferma di questi risultati potrebbe aprire la strada a nuove opzioni di trattamento medico.
AMD è la principale causa di cecità irreversibile tra gli ultracinquantenni nei paesi ad alto reddito, con il numero di persone colpite che si prevede raggiungerà i 300 milioni entro il 2040. I ricercatori considerando che l’inquinamento atmosferico è associato a un aumento del rischio di malattie cardiache e respiratorie, hanno voluto scoprire se potrebbe anche essere associato a un aumento del rischio di AMD.
Il team di ricercatori all’inizio di questo studio nel 2006 ha attinto ai dati di 115.954 persone di età compresa tra 40 e 69 anni senza problemi agli occhi, partecipanti alla ricerca di UK Biobank (UKBB). È stato chiesto loro di segnalare qualsiasi diagnosi formale di AMD da parte di un medico. Utilizzando l’imaging retinico (tomografia a coerenza ottica non invasiva o OCT), i cambiamenti strutturali nello spessore e / o nel numero dei recettori della luce nella retina, indicativi di AMD, sono stati valutati in 52.602 persone per le quali erano disponibili dati completi nel 2009 e 2012.
Le misure dell’inquinamento atmosferico includevano quelle per il particolato (PM2,5), il biossido di azoto (NO 2) e gli ossidi di azoto (NO x). Le stime per questi sono state fornite dalla Small Area Health Statistics Unit nell’ambito del progetto BioSHaRE-EU Environmental Determinants of Health. Le informazioni ufficiali sul traffico, l’uso del suolo e la topografia sono state utilizzate per calcolare i livelli medi annuali di inquinamento atmosferico presso gli indirizzi di casa dei partecipanti.
È stato evidenziato che sul totale dei partecipanti allo studio, 1.286 (poco più dell’1%) hanno ricevuto una diagnosi di AMD; tra le 52,602 persone i cui occhi erano stati valutati, il 75% di quelli con una diagnosi clinica di AMD aveva segni di AMD su immagini retiniche rispetto a solo il 12% di quelli senza una diagnosi clinica di AMD.
L’analisi dei dati (dopo aver contabilizzato i fattori potenzialmente influenti, comprese le condizioni di salute sottostanti e lo stile di vita) ha mostrato che una maggiore esposizione al particolato fine (PM2.5) è stata associata a un rischio maggiore (8%) di AMD, mentre tutti gli altri inquinanti, tranne il particolato grossolano, sono stati associati a cambiamenti nella struttura della retina.
I ricercatori hanno affermato che questo è uno studio osservazionale e, come tale, non può stabilire la causa, ma i risultati fanno eco a quelli trovati in altre parti del mondo. L’inquinamento atmosferico potrebbe essere plausibilmente associato con AMD attraverso stress ossidativo o infiammazione. Hanno detto:
«I nostri risultati nel complesso suggeriscono che l’inquinamento atmosferico, nello specifico il particolato fine o quello delle particelle legate alla combustione, può influenzare il rischio di AMD. È possibile che le caratteristiche strutturali osservate non siano correlate all’AMD, ma associate alla tossicità retinica indotta dall’inquinamento. Tuttavia, la direzione delle relazioni tra inquinamento atmosferico e AMD e gli spessori dello strato retinico associati indicano che una maggiore esposizione all’inquinamento atmosferico può rendere le cellule più vulnerabili aumentando il rischio di AMD».
I ricercatori in conclusione hanno detto:
«I nostri risultati si aggiungono alla crescente evidenza degli effetti dannosi dell’inquinamento atmosferico, anche nella definizione di una relativa bassa esposizione; se venissero replicati, ciò confermerebbe l’opinione secondo cui l’inquinamento atmosferico sia un importante fattore di rischio modificabile per l’AMD».

,

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →