Anche libero va bene

Tommi, un ragazzino di undici anni, vive con il padre giornalista e la sorella Viola color inchiostro, la quale non perde tempo per fargli scherzi e dispetti. La madre Stefania è una donna turbata dagli articoli del congiunto: entra ed esce dalla vita dei figli e del marito, vive più da separata fuori casa che in casa. Tommi, che ha una forte diffidenza nei suoi confronti (per colpa del padre giornalista che parla sempre male di tutti, figuriamoci di sua madre) la respinge, mentre l’immagine mitica del padre si sgretola davanti ai suoi occhi, tramutandosi in quella di un uomo con le sue fragilità che si vedono nel momento del bisogno: "clicca qui".

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

11 thoughts on “Anche libero va bene

  1. Non so che dire,mi sorprendi sempre di più,ti ringrazio con tutto il mio cuore,e stata una sorpresona,felicissimo giorno.grande amico mio.

    🙂

    L’ESPLORATORE

  2. Lino ho provato, purtroppo la mucca passeggia in alto e lui è giù, troppo in basso.
    Lesploratore sono contento che ti ha fatto piacere la sorpresa :-). ciao.

  3. Ho visto l’intervista al mio mito adolescenziale da Fazio domenica sera, mi ha incuriosito questa sua prima esperienza da regista. Chissà se una sera riesco ad andarlo a vedere! Un bacione dalla chioccia-di-riserva!

  4. Ho seguito l’intervista da Fazio, io mi sento come esclusa dai film che parlano di rapporti con i figli, ma non è escluso che vada a vederlo.

    Un bacio Patt, m.

  5. mi hai incuriosito…

    però però però

    in primavera ed estate mi sembra sprecato rinchiudermi in una sala cinematografica…

    sob

  6. kappa_pera, Penelopez, Momi grazie per il commento, ma attenzione al post civetta, sotto al link, è celata un’altra trama :-).

  7. Eh eh, non l’avevo visto!! Patt, sei grande, come sempre!! Grazie per il suggerimento da me. Ora nn posso, ma domani lo sistemo. Bacione, Penelope

Comments are closed.