Solo in Russia

Un oggetto volante a forma di pene, telecomandato, manovrato dai simpatizzanti di Putin, per disturbare il discorso di Garry Kasparov, acerrimo nemico dell’ex presidente russo, amico di Berlusconi (video documento)

Garry Kasparov, ex campione del mondo di scacchi, ora è uno dei critici più duri  di Vladamir Putin e del Cremlino. Kasparov, è il leader del movimento "Altra Russia", una coalizione d’attivisti che si oppongono all’attuale governo russo.
L’altro giorno, erano presenti più di 700 persone all’assemblea politica, convocata in un locale al centro di Mosca, per ascoltare Kasparov. Il suo discorso – appena iniziato -, è stato interrotto dal volo di un oggetto a forma di pene, telecomandato, lasciato svolazzare all’interno del locale. Il giornale Moscow Times, ha attribuito la "beffa volante" ad un gruppo di giovani attivisti, simpatizzanti di Putin e del  Cremlino.
Il pene in volo ha colto tutti di sorpresa, attimi di terrore in sala con gli uomini della sicurezza a far muro attorno a Kasparov per proteggerlo. La situazione si è normalizzata quando un uomo della scorta ha atterrato con un pugno il pene volante.
E’ apparso chiaro che si trattava di una manifestazione di disturbo dei simpatizzanti di Putin.
Kasparov, tranquillamente, rivolto all’assemblea ha detto:
"Penso che dobbiamo essere grati a questi manifestanti dell’opposizione per la dimostrazione del livello di dialogo che possiamo prevedere. La maggior parte delle loro discussioni, sono al di sotto della cintura".
Qualcuno del pubblico ha gridato:
"Questo è il potere politico (di Putin), che mostra la sua faccia".
Kasparov, prontamente ha risposto:
"Beh, se questa è la sua faccia …."  scatenando le risate dei presenti.
Liberamente tradotto da Waxy

, , , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

3 thoughts on “Solo in Russia

  1. grazie per aver fatto notare questo episodio

    Avrei solo 2 note: perchè attribuire la responsabilità a Putin quando si tratta alcuni presunti suoi sostenitori.

    Poi, perchè mettere subito l’accento sul fatto che Putin è amico di Berlusconi? Non mi pare che ne Prodi ne D’Alema abbiano in qualche modo preso le distanze dal Premier russo, anzi.

  2. Essential, Ho solo riportato un inciso sottolineato nell’articolo pubblicato dal giornale “Moscow Times” che, meglio di noi, ha la situazione più chiara perché più diretta su fatti e misfatti che accadono in Russia.

    Per la seconda nota, Berlusconi non ha mai nascosto la sua amicizia con Putin, averlo ricordato, non penso che sia una nota di demerito.

    Grazie per il commento.

Lascia un commento