Chi è Luciana Vega? La Nasa ha aiutato American Girl a sviluppare una bambola che sogna di essere la prima a mettere piede su Marte

Luciana Vega è una bambina di 11 anni, ha manifestato interesse in scienza, tecnologia, ingegneria e matematica (STEM), vuole essere la prima a mettere piede su Marte. E’ reale? No, è la bambola più recente di American Girl (il mondo delle bambole americane) nata con l’aiuto della Nasa per ispirare le giovani generazioni, in particolare le ragazze, a sognare in grande e raggiungere le stelle.
Katy Dickson presidente di American Girl in una dichiarazione ha detto:
«American Girl è orgogliosa di presentare ai fan Luciana Vega è la Girl of the Year 2018, una campionessa STEM, leader naturale che mette tutto il suo cuore nel far diventare realtà i suoi sogni.
Luciana Vega è un modello di riferimento per le ragazze di oggi, consente loro di sfidare gli stereotipi e ad abbracciare i rischi che comportano il fallimento o il successo mentre percorrono il proprio corso nella vita, qualunque sia l’obiettivo.
E’ di discendenza cilena, ha le capacità e l’intelligenza per ottenere ciò che vuole. Sa anche essere una buona leader, è il primo passo verso il successo. Giocatrice di squadra mette da parte i suoi obiettivi personali, si trova bene con gli altri per raggiungere un obiettivo comune.
Il mondo di Luciana prende vita attraverso una bellissima bambola di 45 cm, con caldi occhi marroni, pelle olivastra, capelli castano scuro con una caratteristica striscia viola per mostrare il suo lato creativo. La bambola sarà disponibile online e nei negozi al dettaglio dal 1° gennaio 2018».
American Girl per sviluppare la storia di Luciana Vega, la sua tuta spaziale, quella per il volo e l’habitat marziano ha collaborato con la Nasa e un gruppo di scienziati e astronauti. I creatori di bambole di American Girl hanno detto di aver utilizzato i contenuti e le immagini della Nasa per costruire una nuova app American Girl e un sito web, offrirà ai bambini simulazioni spaziali, quiz educativi, sfide e altro per tenerli interessati. Hanno persino programmato un campo estivo a tema Luciana in cui le ragazze e le loro famiglie possono allenarsi proprio come gli astronauti, per esempio con il MAT – Multi Axis Trainer (simulatore disorientamento degli astronauti), o progettare un robot.
Megan McArthur, astronauta della Nasa che ha lavorato al progetto, ha detto:
«E’ importante trovare nuovi modi entusiasmanti per ispirare la nostra prossima generazione di esploratori spaziali. Voglio sempre incoraggiare le ragazze e i ragazzi a perseguire i loro piccoli o grandi sogni, penso che aiuti a mostrare come quei sogni possano diventare realtà per ogni bambino.
Il programma di ricerca della Nasa “Corpo umano nello spazio“, in un comunicato stampa ha detto:
«Luciana Vega sebbene non sia il primo personaggio a incoraggiare i bambini verso l’astronautica e la scienza, arriva in un momento cruciale in cui la Nasa si sta preparando per le future missioni su Marte e oltre. La Nasa dopo il ritorno sulla Luna avrà bisogno di scienziati, ingegneri e astronauti di talento per spianare la strada all’esplorazione umana più profonda nel sistema solare, incluso Marte».

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →