Esploratori su Marte – La Nasa e Microsoft hanno lanciato un sito web interattivo, chiedono il tuo aiuto per mappare le foto

Everyone can be an explorer, Nasa and Microsoft have launched an interactive website that allows users to explore the planet Mars

MarteThe Be a Martian website allows members of the public to help scientists perform research tasks such as improving maps of the red planet.
Users can, for example, count craters on Mars, a task Nasa said had posed a challenge in the past because of the vast numbers involved.
“The collaboration of thousands of participants could help scientists produce far better maps,” Nasa and Microsoft said in a joint statement.
“The beauty of this type of experience is that it not only teaches people about Mars and the work Nasa is doing there, but it also engages large groups of people to help solve real challenges that computers cannot solve by themselves,” said Marc Mercuri, Microsoft’s director of business innovation.
extraterrestrials. Full text
________________
Italian version
Esploratori su Marte, offri il tuo contributo – La Nasa e Microsoft hanno lanciato un sito web interattivo, migliaia d’immagini da analizzare per mappare in dettaglio il pianeta

Il sito The Be a Martian, permette al pubblico di aiutare gli scienziati a svolgere compiti di ricerca per migliorare le mappe del pianeta rosso.
Doug McCuistion, direttore della Nasa’s Mars Exploration Program, ha detto:
“Siamo ad un punto nella storia in cui tutti possono essere un esploratore. Abbiamo tanti dati  che abbiamo acquisito dalle missioni su Marte, sono accessibili a tutti. L’esplorazione di Marte è diventata un impegno da condividere con l’umanità.
La gente di tutto il mondo può offrire un autentico contributo per espandere le attività specialistiche di poche centinaia di membri del team della missione  di Marte: gli utenti possono, ad esempio, contare i crateri su Marte, un compito che la Nasa in passato aveva posto come una sfida a causa del gran numero di crateri interessati”.
La Nasa e Microsoft –  con una dichiarazione congiunta -, hanno sottolineato che la collaborazione di migliaia di persone potrebbe aiutare gli scienziati a produrre mappe migliori.
Michelle Viotti, direttore del Mars Public Outreach at Nasa’s Jet Propulsion Laboratory, ha detto:
“E’ molto importante aiutare il pubblico a capire e classificare il materiale scientifico proveniente da Marte. Stiamo realizzando qualcosa d’importante per la NASA”.
Marc Mercuri, Direttore innovazione e affari di Microsoft, sulla partecipazione del pubblico, ha detto:
 “La bellezza di questo tipo d’esperienza non solo insegna alla gente la qualità del lavoro che la Nasa sta svolgendo su Marte ma chiama in causa anche i grandi gruppi di persone per contribuire a risolvere problemi reali che i computer non possono risolvere da soli”.
Il sito web interattivo (clicca qui su The Be a Martian), ospita centinaia di migliaia di foto di Marte, comprese molte immagini che non sono mai state rese pubbliche.
È dotato di una sala “città virtuale” dove gli utenti possono ricevere risposte dagli esperti e premi per gli sviluppatori di software per accedere alle immagini online di Marte, dalle aule dei team di studiosi del pianeta rosso.
, , , , , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →