L'elmetto del genio

Ha debuttato come conduttore di Omnibus il giornalista Luca Telese, che se la cava piuttosto bene. Convincendo anche chi, come noi, tende a sottolineare la grande diversità tra usare la scrittura, la parola e la faccia. Comunque, ieri mattina si discuteva di guerra e pace, questione enorme che divide la sinistra, come ha diviso sempre Paesi, partiti e perfino coscienze singole. E, tra vari esponenti di sinistra, c´era Maurizio Gasparri, che avrebbe dovuto approfittare delle divisioni altrui per far risaltare le sue ragioni, nel caso le avesse. Ma Gasparri non finisce mai di stupirci con gli effetti speciali della sua grullaggine. Così, per sostenere che anche gli aiuti umanitari hanno bisogno di protezione militare, ha sottolineato che a Kabul non c´è la metropolitana e non è che uno possa andare aiutando a destra e a manca, uscendo alla fermata giusta. Una osservazione geniale e, in fondo, pacifista. Solo Maurizio Gasparri poteva notare che forse era meglio aprire i cantieri della metropolitana, piuttosto che mandare i bombardieri. (Maria Novella Oppo)

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

3 thoughts on “L'elmetto del genio

  1. a kabul non c’è la metro? già, grosso guaio davvero!

    gasparri. un altro “buono”. tra lui e calderoli non saprei chi buttare dalla torre. : )

  2. Idem come Hours!!!!!

    Ho visto un pezzettino di omnibus, ma quella parte con Gasparri l’ho persa….

    C’erano Travaglio, il mio antipaticissimo Angelo Mellone che presentava il suo meraviglioso libro “Di qualcosa di destra” e qualche altro ospite…

  3. TheHours in questo caso, nulla vieta di buttarli assieme, legandoli come salami :-).
    Loreanne Gasparri, è sempre presente in televisione, approfitta di ogni situazione per apparire. E’ come il prezzemolo … e puzza dalla testa :-). ciao*

Lascia un commento