Le nuove norme europee sull’illuminazione ecologica di scena potrebbero oscurare le imprese di arti dello spettacolo

L’associazione Lighting Designers (comprende progettisti, illuminotecnici, professionisti della luce), avverte che la direttiva della Commissione europea che dal punto di vista ambientale mira a creare un’economia più sostenibile, porterebbe alla chiusura della maggior parte delle imprese di arti dello spettacolo.
Eminenti personalità dell’industria dell’intrattenimento britannico hanno detto che i teatri e le sedi dei concerti potrebbero scomparire se diventerà legge le regole “folli” proposte dall’ente che gestisce l’UE.
La campagna Save Stage Lighting evidenzia che il piano di lavoro della Commissione europea sulla progettazione ecocompatibile e le relative proposte di regolamento imporrebbero su tutte le sorgenti luminose, un’efficienza minima di 85 lumen per watt e una potenza massima di standby di 0,5 W. Ciò potrebbe avere un terribile impatto sulle arti dello spettacolo poiché nessun dispositivo al tungsteno e molti apparecchi d’intrattenimento basati su LED soddisfano questi requisiti.
L’associazione Lighting Designers, dopo aver analizzato a fondo i documenti dell’UE, ha detto che le precedenti esenzioni create per l’industria dell’illuminazione di scena sono state rimosse dalla Commissione. La petizione del gruppo (finora è stata firmata da oltre 12.000 persone), mette in guardia: «L’industria dell’intrattenimento non avrà quasi più strumenti per illuminare spettacoli come le opere teatrali, musical o concerti».
Patrick Woodroffe, ha curato l‘illuminazione scenica per i concerti di Abba e Lady Gaga e ha collaborato alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Londra 2012, intervistato da BBC, ha detto:
«La proposta sembra una follia, le clausole che ci sono consentite per LED nella nuova legislazione UE significano che le luci a LED che abbiamo usato per risparmiare un’enorme quantità di energia non potrebbero essere utilizzate. Non posso credere che qualcuno vorrebbe davvero che questo accada».
Paule Constable, lighting designer che ha lavorato a dozzine di commedie londinesi, sempre alla BBC ha detto:
«Ad esempio, se penso al National Theatre dove sono in programma un musical come Follies, o lo spettacolo War Horse, non ci sono attrezzature tecniche che possano creare le immagini che vedi in quelle produzioni perché non sarebbero consentite dalla nuova legislazione. Abbiamo sviluppato nuove tecnologie e lavorato con diversi dispositivi, usando sempre meno energia, gli spettacoli che realizziamo sono una combinazione di elementi con cui lavoriamo, ma tutti questi sarebbero vietati».
Le misure proposte, che entreranno in vigore nel 2020 e si applicherebbero a tutti gli Stati membri dell’UE, ora sono oggetto di una consultazione. La Commissione europea afferma che lo scopo è di raggiungere gli obiettivi climatici concordati nell’accordo di Parigi e di contribuire a un’economia più sostenibile. Ha sottolineato che le opinioni dei partecipanti saranno prese in considerazione prima di prendere una decisione definiva e che eventuali modifiche dovranno essere recepite nel diritto nazionale dai parlamenti competenti degli Stati membri dell’UE.
L’articolo 2 del trattato di Lisbona, uno dei documenti fondamentali dell’UE, afferma che l’Unione Europea «rispetta la sua ricca diversità culturale e linguistica, garantisce che il patrimonio culturale europeo sia salvaguardato e potenziato».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento