La Cina punirà e ricompenserà i cittadini con il “punteggio di credito sociale”

La Cina entro il 2020 prevede di assegnare a ciascuno dei suoi 1,4 miliardi di cittadini un “punteggio di credito sociale”, determinerà ciò che le persone sono autorizzate a fare e dove si classificano nella società.
Il punteggio fa parte di un ampio sforzo in Cina per costruire il cosiddetto sistema di reputazione, in teoria oltre ai cittadini misurerà la credibilità dei funzionari governativi e delle imprese. Il governo cinese dice che il sistema a livello nazionale aumenterà la “fiducia” per costruire una cultura di “sincerità”.
Alcune società private di gestione dei dati stanno aiutando il governo a sviluppare il sistema, tra queste la Sesame Credit, assegna ai cittadini un punteggio variabile tra 350 e 950 punti, in conformità a fattori come gli acquisti che fanno, a chi si associano, e quello che postano: per esempio, condividere un post che elogia il governo cinese, sarebbe registrato da Sesame Credit come avere “energia positiva” e farebbe salire il proprio punteggio.
I bassi punteggi – come descritto nel rapporto governativo del 2016 -, comporteranno una punizione:
«Se la fiducia è infranta in un singolo luogo, le restrizioni sono imposte ovunque, salvaguardano l’autorità giudiziaria, aumentano la sua credibilità, creano un’atmosfera sociale ascendente, caritatevole, sincera e reciprocamente utile».
Il giornalista cinese Liu Hu è tra i cittadini che sono già stati puniti, ha scoperto che gli era stato vietato di volare perché il suo nome figurava in un elenco di “persone non affidabili”. Liu Hu nel 2013 è stato arrestato per diffamazione dopo aver pubblicato articoli molto critici nei confronti di funzionari governativi, un crimine per il quale gli è stato ordinato di scusarsi. Il tribunale ha valutato le sue scuse non sincere.
Liu Hu sulla punizione in un’intervista a CBS ha detto: «Non riesco ad acquistare una proprietà. Mio figlio non può frequentare una scuola privata. Ti senti sempre controllato dalla lista».
I cittadini a basso punteggio potrebbero subire altre potenziali punizioni come una più lenta velocità di Internet, accesso limitato alle imprese e l’interdizione dall’inserimento in determinate professioni.
La Cina ha attivato una rete estesa di telecamere di sorveglianza aiuterà a registrare e misurare anche il comportamento dei cittadini. Ora si stima che abbia in funzione 176 milioni di telecamere di sorveglianza, prevede di raddoppiarle entro il 2020.
L’obiettivo dichiarato di questa infrastruttura di sorveglianza è di scoraggiare i criminali, i funzionari cinesi a Fuzhou hanno pubblicato i nomi di persone che hanno commesso semplici reati. E’ stato riferito che i cittadini presto potrebbero essere puniti per essere stati visti fumare nelle aree non fumatori o per aver guidato male.
Sentire il governo cinese dire che il piano promuoverà un “sincero” e “reciproco aiuto sociale”, suona come un doppio controllo orwelliano. Johan Lagerkvist, specialista cinese d’internet presso l’Istituto svedese per gli affari internazionali, ha detto: «Il tocco politico orwelliano è presente anche con il monitoraggio dei consumatori di Amazon, il programma registra anche i libri che leggono le persone».
Rogier Creemers, studioso specializzato in diritto presso l’Istituto Van Vollenhoven dell’Università di Leida, prendendo spunto dalle recensioni di Yelp (poco diplomatiche su qualsiasi cosa, dai ristoranti alle palestre, ecc.), ha paragonato il sistema a punti cinese a quello di «una bambinaia che ti sorveglia da dietro le spalle».
Forse il confronto più popolare è quello con l’episodio “Nosedive” di Black Mirror, dove in una società futura, tutti hanno un punteggio di credito sociale che può essere spinto verso l’alto o verso il basso in base all’interazione con altre persone.
Le critiche non hanno impedito a milioni di cittadini cinesi di aderire volontariamente al programma prima che diventi obbligatorio nel 2020. Ciò è in parte dovuto al mercato ampiamente non disciplinato della Cina, dove non sono mantenuti molti contratti firmati e dove i prodotti contraffatti e non conformi, si muovono liberamente. Il governo cinese afferma che questi problemi rappresentano un “deficit di fiducia” potrebbe essere risolto con un codificato sistema di credibilità.
Wang Shuqin, professore all’Università di Filosofia e Scienze Sociali della Capital Normal University in Cina, sta aiutando il governo a sviluppare il sistema, ha detto:
«Data la velocità dell’economia digitale, è fondamentale che le persone possano verificare rapidamente la reciproca dignità del credito. Il comportamento della maggioranza è determinato dal loro modo di pensare. La persona che crede nei valori fondamentali socialisti si comporta in modo più dignitoso».
Naturalmente, è anche possibile che i cittadini cinesi sottoscrivano il programma per timore di rappresaglie, se non lo fanno. E poi ci sono gli incentivi: un articolo pubblicato su Wired nel 2017 indica che i punteggi di alto profilo sociale sono visti come uno status symbol, offrono vantaggi per le carte regalo aziendali, check-in più rapidi negli hotel e negli aeroporti e nessun deposito per le auto a noleggio.
Ken Dewoskin, consigliere senior alla LP di Deloitte Services per la ricerca e l’approfondimento in Cina, alla domanda di CBS: «Fino a che punto il sistema di credito sociale va nelle quotidiane attività delle persone», ha risposto:
«Penso che il governo e le persone che gestiscono il piano vorrebbero andare il più profondamente possibile per determinare come assegnare i benefici e anche come influenzare e modellare il loro comportamento».
Il piano di ricompensa e punizione della Cina da un esperto di privacy su Internet è stato descritto come un pericoloso intervento sul comportamento umano:
«Ciò che la Cina sta facendo è selezionare selettivamente la sua popolazione in base al tratto del pensiero critico e indipendente. Forse non è questo lo scopo, anzi dubito che sia lo scopo primario, comunque è l’effetto di dare solo a persone obbedienti la capacità sociale di avere figli, per non parlare di bambini di successo».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Notify via Email Only if someone replies to My Comment