Agenzia federale americana ha scoperto un software installato dalla Volkswagen per eludere le norme per la riduzione dello smog

L’amministrazione Obama ha imposto alla Volkswagen di richiamare quasi mezzo milione di vetture, dicendo che la casa automobilistica ha installato illegalmente un software nelle sue vetture diesel-elettriche per eludere le norme per la riduzione dello smog.
L’Epa un’agenzia del governo federale degli Stati Uniti la cui missione è di proteggere la salute umana e ambientale, ha accusato la casa automobilistica tedesca di aver infranto la legge installando un software creato per aggirare gli standard ambientali per la riduzione dello smog nelle vetture Audi e Volkswagen a 4 cilindri prodotte tra il 2009 e il 2015. Il software è capace di rilevare quando la macchina è sottoposta ai test sulle emissioni, in modo da tenere attivo il sistema di controllo sulle emissioni solo in quel periodo.
Cynthia Giles, assistente amministratore Epa, ha detto:
«E’ illegale usare un impianto di manipolazione nelle macchine per eludere gli standard ambientali, è una minaccia alla salute pubblica».
I funzionari dell’Agenzia hanno inoltrato alla casa automobilistica tedesca un avviso di violazione, la Volkswagen ha ammesso l’uso di un cosiddetto impianto di manipolazione. Un portavoce di Volkswagen ha confermato che l’azienda ha ricevuto l’avviso, ha detto che la casa automobilistica collabora all’inchiesta. Ha rifiutato di commentare ulteriormente il caso.
Il software della Volkswagen è stato progettato per nascondere le emissioni inquinanti di ossido di azoto, contribuisce alla creazione di ozono e smog delle vetture. Gli inquinanti sono legati a una serie di problemi di salute, tra cui attacchi di asma, altre malattie respiratorie e morte prematura.
Esperti in tecnologia automobilistica hanno detto che disimpegnare i controlli dell’inquinamento su una vettura diesel può produrre prestazioni migliori, tra cui una maggiore coppia e accelerazione.
Drew Kodjak, direttore esecutivo di un gruppo di ricerca del Consiglio Internazionale sul trasporto pulito, ha detto:
«Il nostro gruppo nel condurre la ricerca sui veicoli diesel, è stato il primo a notare la discrepanza tra le emissioni di Volkswagen in laboratorio e prove su strada. Abbiamo portato la questione all’attenzione dell’Epa, che ha condotto ulteriori test sulle vetture, e in ultima analisi, ha scoperto l’utilizzo del software».
L’Epa e il Dipartimento di Giustizia stanno lavorando insieme su un accertamento delle accuse, i funzionari Epa hanno detto che nel corso del prossimo anno i proprietari dei veicoli interessati devono aspettarsi di ricevere avvisi di richiamo da parte della società, comprese le informazioni su come ottenere l’intervento sulla propria auto senza alcun costo. Il richiamo copre circa 482.000 autovetture diesel vendute negli Stati Uniti dal 2009. I modelli interessati sono:
– Volkswagen Jetta (dal 2009 al 2015);
– Beetle (dal 2009 al 2015);
– Audi A3 (dal 2009 al 2015);
– Golf (dal 2009 al 2015);
– Passat (dal 2014 al 2015).
L’indagine del Dipartimento di Giustizia potrebbe comportare multe o sanzioni per l’azienda, secondo i termini del Clean Air Act, il Dipartimento di Giustizia potrebbe imporre multe fino a 37.500 dollari per ogni veicolo manipolato, per una possibile sanzione totale fino a 18 miliardi di dollari.
Il governo federale negli ultimi anni ha aggressivamente perseguito le case automobilistiche per aver nascosto violazioni di sicurezza:la General Motors per non aver rivelato i difetti d’interruttori di accensione ha accettato di pagare al governo federale una penale di 900.000.000 dollari (accordo che ha deluso molti dei familiari delle vittime); la Toyota nel 2013 ha richiamato più di 10 milioni di veicoli e ha accettato di pagare al governo degli Stati Uniti una multa di 1,2 miliardi di dollari, ammettendo di aver celato informazioni ai consumatori e autorità sul problema che in modo imprevisto causava l’accelerazione delle macchine.
Gli analisti hanno detto che l’amministrazione ora sembra perseguire in modo simile le case automobilistiche che nascondono violazioni delle norme sanitarie e ambientali.
L’avviso di violazione è particolarmente imbarazzante per la Volkswagen, non solo perché è arrivato dopo che la società come parte di una campagna per ridurre le emissioni dei veicoli, ha strombazzato il suo piano di introdurre veicoli elettrici entro il 2020, ma anche perché è in corso il Salone di Francoforte, uno dei più grandi eventi del calendario dell’industria automobilistica. Volkswagen ha aperto un intero padiglione espositivo per mostrare le sue vetture, mentre Audi ha un padiglione separato.
Volkswagen (possiede anche le case automobilistiche sportive di alta gamma Porsche e Lamborghini) recentemente come il più grande fabbricante automobilistico del mondo ha quasi raggiunto le vendite della Toyota, ma sta lottando per guadagnare quote di mercato negli Stati Uniti, dove è stato a lungo debole. L’indagine in corso certamente non aiuta, negli otto mesi fino ad agosto, le vendite di auto del marchio Volkswagen negli Stati Uniti sono scese del 3 per cento (238.000 veicoli), nello stesso periodo Toyota ha venduto 1,15 milioni di veicoli.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

1 thought on “Agenzia federale americana ha scoperto un software installato dalla Volkswagen per eludere le norme per la riduzione dello smog

  1. Che figura hanno fatto i tedesconi….la razza superiore ha fatto una padella…..chi sputa controvento……

Lascia un commento