Le donne nonostante il cliché non sono più brave degli uomini a fare più cose contemporaneamente

Lo stereotipo è così innato all’immaginazione popolare che appare spesso nelle pubblicità televisive: gli uomini sono incapaci di fare due cose contemporaneamente e quando lo fanno, l’effetto è semplicemente comico. D’altra parte, sono le donne, responsabili e lungimiranti, che hanno la capacità di cucinare, lavorare, prendersi cura dei loro figli e fissare appuntamenti medici nello stesso tempo. E’ un cliché di genere, ed è un falso cliché.
Il recente studio condotto da Marco Hirnstein, Frank Larøi e Julien Laloyaux, pubblicato in Psychological Research illustra come, in modo controllato e di fronte ad una serie identica di compiti, non ci sono differenze rilevanti tra uomini e donne quando si tratta di multitasking, un mito, uno dei tanti legati alle abilità divergenti dei generi.
Lo studio ha utilizzato un ambiente 3D simulato in cui 148 partecipanti (82 uomini e 66 donne di età compresa tra 18 e 60 anni, di varie estrazioni educative e con esperienza nella gestione dei computer) hanno dovuto organizzare un incontro a metà ora. Nel corso dell’attività, si sarebbero verificati vari ostacoli, come rispondere alle chiamate, ricevere ospiti, richiedere sedie, ordinare l’agenda, fare il caffè e altro. E’ emerso che in nessuno dei parametri misurati (accuratezza, tempo, resistenza alle distrazioni) c’erano differenze statisticamente significative tra uomini e donne. Entrambi hanno fallito o sono riusciti nella stessa misura. Solo una maggiore esperienza con i videogiochi ha comportato un minor dispendio di tempo nell’esecuzione dell’attività. Controllando questo fattore, le somiglianze erano chiare.

Esiste il cliché?
Sì. I sondaggi dimostrano che circa il 60% delle persone giudica le donne in grado di fare più cose contemporaneamente (una percentuale, tuttavia, inferiore ai cliché di genere associati alle abilità spaziali o verbali).
Il recente studio a differenza di altri ha utilizzato un test standardizzato (il CMPT) con alto valore esperienziale e pratico, oltre che misurabile (controllo per fattori educativi o intellettuali).
Lo studio chiarisce che fino ad oggi sulle differenze di genere nel “multitasking” l’analisi scientifica è errata e dubbia, spesso insufficiente e talvolta contraddittoria. Pone una gigantesca domanda su uno stereotipo che abbiamo assunto: le donne si sono dimostrate migliori nelle attività di ricerca e gli uomini tendono a eccellere in altri compiti. Nel complesso, tuttavia, le qualità si equivalgono.
Il cliché in larga misura esiste a causa del tradizionale ruolo dei generi, può basarsi sull’esperienza: le donne sono conosciute per fare allo stesso tempo più degli uomini (il peso del lavoro domestico, per esempio, pieno di piccoli compiti non sequenziali che devono essere affrontati simultaneamente, in modo schiacciante ricade maggiormente sulle donne), quindi si presume che lo facciano meglio (quando lo fanno semplicemente).
E’ un’idea comoda per la distribuzione tradizionale dei ruoli di uomini e donne, sebbene la scienza abbia seri dubbi al riguardo.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →