America Latina partecipa alla gara globale “Rifiuti zero”

Gli attivisti in Colombia stanno lavorando con enti pubblici e privati per ridurre e riciclare ogni grammo di rifiuti solidi prodotti. Waste Atlas (è una mappa online con accesso gratuito, a livello globale visualizza i dati di gestione dei rifiuti solidi urbani), riporta che il mondo finora ha generato oltre 8,3 miliardi di tonnellate di plastica, di cui il 91 per cento non è stato riciclato.
Gli studi suggeriscono che la nostra acqua potabile è già inquinata da particelle di plastica. Le persone in tutto il mondo nel frattempo generano 1,9 miliardi di tonnellate di rifiuti solidi l’anno, il 70% del quale è inviato in discarica, il 19% riciclato o recuperato e l’11%, trasformato in energia”.
Si tratta di cifre preoccupanti, le campagne di riciclaggio sono state avviate, in gran parte sotto la guida dei paesi europei. Allo stesso tempo, un’altra iniziativa che ha acquisito slancio in tutto il mondo, denominata “Rifiuti zero”, cerca di limitare la produzione di rifiuti alla fonte, ridefinire i rifiuti come materie prime, adatti al riutilizzo nella produzione economica e nei cicli ecologici. E’ una reazione all’enorme quantità di rifiuti inviati alle discariche o bruciati ogni giorno e al danno ambientale causato da un “tradizionale” modo di procedere.

Ridurre, riutilizzare, riciclare
I dati raccolti dall’Inter-American Development Bank, Pan American Health Organization e Inter-American Association of Sanitary and Environmental Engineering, indicano che tutti i giorni ogni singolo latinoamericano genera 0,63 kg di rifiuti solidi domestici.
La Colombia con il suo progetto aderisce all’iniziativa “Rifiuti zero” insieme a Ong Basura Cero Colombia.
Sandra Pinzón direttore esecutivo di Basura Cero Colombia è per un cambiamento verso una cultura del consumo più responsabile, oggi collabora con le imprese pubbliche e private per realizzare in tutte le loro procedure, l’attuazione delle tre “R”ridurre, riutilizzare e riciclare.
Diego Romero, responsabile dei progetti, ha detto che si tratta di un programma olistico sulla gestione dei rifiuti, segue cinque obiettivi strategici:
– gestione integrata del progetto;
– certificazione Zero rifiuti Alliance (ICONTEC);
– programmi di formazione e educazione ambientale;
– Eco eventi;
– Eco marketing.
Collabora anche con diverse università, tra cui la prestigiosa Pontificia Università Javeriana di Bogotà, “per scambiare conoscenze e realizzare progetti accademici e di ricerca nell’economia circolare e nella gestione integrata dei rifiuti solidi (ISWM)”.
I patti di collaborazione ora hanno ora coinvolto più di 20.000 colombiani in programmi che stanno gradualmente creando una società più sostenibile. L’iniziativa è riuscita a ridurre la produzione di rifiuti solidi di 12.600 chilogrammi, soprattutto attraverso l’eliminazione dagli acquisti delle famiglie degli articoli non riutilizzabili. Ciò ha seguito modelli di economia circolare e di ecologia industriale, consentono agli enti di attuare strategie di riduzione, riutilizzo e valorizzazione dei rifiuti.
Sandra Pinzón in conclusione ha detto:
«Nell’ambito di tali strategie la certificazione ufficiale “Zero rifiuti” diventa un mezzo attraverso il quale le organizzazioni possono analizzare il ciclo di vita dei rifiuti, ridurre i rischi di smaltimento e lavorare sul costante miglioramento attraverso le quattro fasi di “pianificazione, realizzazione, verifica e azione».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →