Curiosità sulle tradizioni natalizie di tutto il mondo

La mappa fornisce informazioni sulle tradizioni natalizie di tutto il mondo. Clicca su uno dei paesi indicati dai cerchietti colorati sulla mappa (vedi) per leggere le informazioni su come le persone celebrano il Natale nel mondo.

Canada
I bambini canadesi di solito celebrano un nevoso, bianco Natale. Si coprono con le loro sciarpe e cappelli di lana canadese, per giocare nella neve con lo slittino, pattinare sul ghiaccio.
I bambini alla vigilia di Natale lasciano latte e biscotti al camino di Babbo Natale (talvolta anche una carota per la sua renna).

Stati Uniti
Negli Stati Uniti, le calze sono appese alla vigilia di Natale. La leggenda narra che San Nicola dopo aver sentito i lamenti di una famiglia in difficoltà, ha messo preziosi nelle calze appese al camino. San Nicola da questo momento è stato conosciuto come Babbo Natale, donatore dei doni.

Messico
In Messico, i bambini di tutte le età festeggiano il Natale con la rottura della pignatta (pinatas). Adulti e bambini con una benda sugli occhi, si divertono con un bastone a rompere i vasi oscillanti a forma di stella. La pignatta quando è fracassata per la gioia di tutti lascia cadere noci, frutta e caramelle.

Guatemala
I guatemaltechi festeggiano il Natale con divertimento e balli. Indossano cappelli chiamati Puritina, a mezzanotte appena inizia lo spettacolo dei fuochi artificiali, mangiano i tamales e ballano per tutta la notte.

Brasile
Le celebrazioni natalizie cominciano vicino a mezzanotte, di solito con grandi cene in famiglia, l’apertura del regalo e nelle chiese la celebrazione della “Missa do Galo” (la Messa del Gallo). Nonostante il caldo estivo tropicale, le rappresentazioni con temi invernali e la neve non sono infrequenti.

Argentina
In Argentina, il Natale inizia allo scoccare della mezzanotte. Molte famiglie ospitano le celebrazioni nelle loro case, aprono i regali con i loro cari, mentre i fuochi d’artificio illuminano le prime ore del mattino.

Islanda
A Natale in Islanda, le famiglie danno nuovi vestiti per tutti i membri della loro famiglia. Secondo la leggenda, vi è un gatto di Natale spaventoso che divora chiunque non sia attrezzato per il freddo invernale.

Regno Unito
Nel Regno Unito, i festaioli di tutte le età a cena si divertono con i cracker di Natale (vedi), nella sua forma più semplice è un piccolo tubo di cartone rivestito con la carta colorata. Il cracker quando è ‘tirato’ dall’estremità da due persone, crea una piccola esplosione prodotta da una stretta striscia di carta impregnata chimicamente. Il cracker di solito al suo interno contiene un cappello di carta velina, un palloncino, piccoli giocattoli e caramelle.

Francia
In Francia, i bambini tradizionalmente mettono le loro scarpe accanto al caminetto in attesa dell’arrivo di Père Noël. Se i bambini sono stati buoni durante l’anno, Père Noël riempirà le scarpe con i regali.

Ghana
Il Natale in Ghana coinvolge tutta la famiglia: gli adulti si vestono in costume e distribuiscono caramelle e dolci in tutto il quartiere. I bambini decorano le loro case con ornamenti di carta e disegni che hanno realizzato a scuola.

Germania
In quasi ogni città tedesca nelle piazze sono aperti i mercatini di Natale. I cittadini si riuniscono per ascoltare bande musicali, gustare i tradizionali piatti della regione come i cuori di panpepato, le mandorle zuccherate tostate, dolci di tutti i tipi e bere bevande come il vino brulè (Glühwein) e il sidro di mele.

Grecia
In Grecia, creature amichevoli ma fastidiose chiamate “kallikántzari” nell’immaginario vivono la maggior parte dell’anno nel centro della Terra, ma a Natale, amano nascondersi nelle case della gente per spaventarle, fare scherzi o divorare cibi natalizi. I greci eseguono tradizionali rituali per tenere lontano questi folletti.

Russia
I bambini russi invece di decorare l’albero di Natale, decorano quello di Capodanno. Aspettano con desiderio Nonno Gelo, viaggia con sua nipote Snowmaiden per consegnare i regali in tutto il paese. Nonno Gelo vive nei boschi, in Velikii Ustug, nel nord della Russia.

Kirghizistan
In Kirghizistan, Ayaz Ata (Nonno Gelo) arriva alla mezzanotte di Capodanno per lasciare i regali sotto l’albero di Capodanno. Le famiglie quando scocca la mezzanotte per festeggiare accendono i fuochi d’artificio in tutto il paese. Le città sono illuminate a giorno.

Filippine
Le Filippine sono note per avere la più lunga stagione di Natale del mondo: settembre, ottobre, novembre e dicembre sono considerati mesi di Natale. I canti natalizi spesso possono essere ascoltati dall’inizio di settembre.

Australia
Nell’emisfero Sud dell’Australia nel mese di dicembre è tempo d’estate. Molti australiani celebrano le feste in spiaggia tra un pranzo di gamberi e qualche partita di cricket.

Nuova Zelanda
In Nuova Zelanda il Natale arriva in estate, amici e parenti si riuniscono intorno a un barbecue. Piatti tipici di Natale includono arrosto di agnello, talvolta cotto in un “hangi” (speciale cottura degli alimenti sotto la terra, usato dai Maori). Il dessert preferito è pavlova (prende il nome dalla ballerina russa Anna Pavlova), è un dolce a base di meringa con una crosta croccante e morbida, ricoperta di frutta fresca come fragole e kiwi.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento