Creato un mini polmone per studiare malattie e testare i farmaci (video)

I ricercatori in una piastra di Petri hanno sviluppato una versione in miniatura di un polmone chiamato “organoide“, funziona esattamente come un vero e proprio polmone a grandezza naturale. I mini organi di questo tipo non sono progettati per i trapianti o per sostenere in modo diretto una creatura vivente, piuttosto sono uno strumento di ricerca per studiare le malattie e testare farmaci umani che potrebbero aiutare a rigenerare il tessuto danneggiato.
Il team della Columbia University Medical Center (CUMC) ha creato piccole strutture 3-D con pluripotenti umane cellule staminali che imitano le caratteristiche e l’aspetto di un polmone a grandezza naturale.
Hans-Willem Snoeck professore di medicina (in microbiologia e immunologia) presso la Columbia University Medical Center, ricercatore principale dello studio ha detto:
«I ricercatori hanno raccolto la sfida di creare organoidi per aiutarci a capire e trattare una varietà di malattie. Abbiamo testato la nostra limitata capacità di creare organoidi in grado di replicare le caratteristiche principali di malattie umane. La ricerca sulle cellule staminali ha fornito una serie di sviluppi promettenti nella crescita dei tessuti del cuore, tendini e persino embrioni artificiali di topo».
Gli organoidi polmonari del professor Hans-Willem Snoeck creati da cellule staminali in laboratorio, rappresentano un importante passo avanti nel senso che sono i primi a includere strutture chiavi simile a quelle nei polmoni umani.

Test con l’organoide polmone
I ricercatori hanno infettato gli organoidi con il virus respiratorio sinciziale (RSV), una delle principali cause d’infezioni respiratorie nei bambini, attualmente non ha vaccini e non può essere trattata con i farmaci esistenti. I mini polmoni hanno reagito allo stesso modo dei polmoni reali in esseri umani.
Gli organoidi in successivi esperimenti, con una mutazione del gene legato alla fibrosi polmonare, si sono comportati come i polmoni reali con la stessa condizione. La fibrosi polmonare provoca cicatrici nei polmoni, l’unica cura conosciuta è un trapianto di polmone, è una malattia che solo negli Stati Uniti ogni anno provoca da 30.000 a 40.000 morti.
Il professor Hans-Willem Snoeck in conclusione ha detto:
«Gli organoidi, creati con cellule staminali pluripotenti embrionali o geneticamente modificate, possono essere il migliore o forse unico modo per ottenere informazioni sulle cause di queste malattie».
Lo studio è stato pubblicato il mese scorso su Nature Cell Biology.