Le città spugna ci salveranno dal riscaldamento globale?

Le spiagge e le passerelle di Miami sono diventate corsi d’acqua. Le autostrade di Houston solo due settimane fa sembravano laghi, mentre in altra parte del mondo a Mumbai le barche hanno sostituito gli autobus, per percorrere le strade trasformate in fiumi.
La letteratura scientifica ha una chiara spiegazione per queste drammatiche immagini: il riscaldamento globale sta portando più pioggia e più inondazioni,  mettendo in crisi le città sulla costa e nei bacini fluviali particolarmente vulnerabili.
La città di Berlino bagnata dal fiume Sprea, lo scorso giugno ha dovuto affrontare un eccezionale evento meteorologico, di solito si ripete ogni cento anni: il portavoce delle opere idriche municipali di Berlino, ha riferito al quotidiano tedesco Die Zeit che più di un quarto delle precipitazioni medie annue della città sono cadute nel corso di 18 ore.

Città spugna
Le città nel mondo riconoscono sempre più la necessità di adattarsi a un clima umido, le autorità di Berlino hanno deciso di intervenire sull’infrastruttura della città con nuove tecniche per gestire meglio le copiose precipitazioni: in pratica gli edifici e spazi verdi saranno trasformati in “spugne” per assorbire grandi quantità d’acqua in breve tempo, ciò comprenderà anche la messa a dimora di giardini panoramici, la creazione di più parchi pubblici e l’installazione di swales (chiamati in italiano fosse livellari, sono fosse antichissime in uso in Italia anche durante l’epoca etrusca – romana, hanno la funzione di accumulo e raccolta dell’acqua sia nel terreno sia nella falda freatica).

Il quotidiano tedesco Die Welt riferisce che alla base di questo progetto, l’obiettivo è di abbandonare le tradizionali pratiche di canalizzazione dell’acqua e di passare ai sistemi di drenaggio che rientrano nell’idea futuristica della cosiddetta “Sponge City” (Città Spugna) non è un’invenzione tedesca. Il governo cinese ha concepito l’idea per la prima volta nel 2013, la sta applicando in circa 30 delle sue città. Melbourne, in Australia ha investito molto sul progetto di costruire migliaia di “Rain gardens” (Giardini della pioggia) per assorbire le precipitazioni in eccesso e gestire le inondazioni costiere. New Orleans dopo l’uragano Katrina ha dato priorità ai programmi di ricostruzione con particolare riguardo al  drenaggio.
Isabelle Thomas, professoressa di studi urbani all‘Università di Montreal, al quotidiano francese Le Monde ha detto:
«L’obiettivo non è solo proteggere se stessi, ma conoscere i rischi, accettarli e adattarli».
L’idea delle “Città Spugna” poiché le condizioni meteorologiche estreme stanno diventando sempre più la norma, non è solo un modo per contribuire a ridurre i costi e anche le vittime. Gli investimenti da miliardi di dollari sono necessari per permettere alle metropoli del globo di rimanere produttive e redditizie nella speranza che l’intero pianeta possa iniziare ad affrontare la sfida più grande, quella della riduzione del riscaldamento globale. Una spugna, dopo di tutto, può contenere solo tanta acqua.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...