Londra è la prima città ad avere una pattuglia di piccioni per misurare la qualità dell’aria (video)

La mente quando sentiamo parlare d’inquinamento atmosferico è rivolta a città come Pechino e alcune altre regioni in Asia e in America, ma la realtà è che il livello d’inquinamento dell’aria che respiriamo ogni giorno, è uno dei problemi più preoccupanti che tutte le città devono affrontare, dalle più piccole alle più grandi e popolose.
Pertanto, ci sono molti progetti che cercano di misurare i livelli d’inquinamento, in modo che possano mettere in guardia la gente di non fare attività fisica all’aria aperta o sospendere lezioni in alcune scuole. Nella maggior parte dei casi, questi monitoraggi sono effettuati tramite postazioni attrezzate con sensori, ma quello che ora stanno facendo a Londra per la popolazione è qualcosa di mai visto prima, utilizzare i piccioni con sensori per monitorare la qualità dell’aria.

Pattuglia aerea piccioni
La società britannica Plume Labs ha annunciato un paio di settimane fa, un progetto curioso che avrebbe lo scopo di dare un’immagine più accurata della misurazione della qualità dell’aria di Londra, sostenuta da una pattuglia aerea formata da piccioni. Sì, molti hanno ritenuto che fosse uno scherzo ma oggi con ottimi risultati è stato lanciato un primo gruppo di piccioni.

Ogni piccione è dotato di un leggero e piccolo zainetto per trasportare il dispositivo GPS e i sensori per monitorare l’ozono, composti volatili e biossido di azoto. Ogni zainetto pesa circa 25 grammi, non influenza il volo di questi uccelli, possono raggiungere una velocità di circa 80 km / h.
La prima fase dura solo tre giorni, in questo periodo chiunque può essere a conoscenza degli aggiornamenti sul profilo Twitter, dove è anche possibile richiedere informazioni più dettagliate su ogni distretto, o direttamente sul sito.
Tutti i dati raccolti nel corso di questi tre giorni, saranno condivisi con i ricercatori ambientalisti, che aiuteranno a sviluppare misure per combattere gli inquinanti. I piccioni in questa missione grazie ai sensori potranno determinare con precisione, dove intervenire in zone di traffico veicolare con particolari ingorghi, o fabbriche.
La seconda fase del progetto, non è stato ancora previsto il periodo, coinvolgerà persone, ciclisti, atleti disposti a indossare zainetti con i sensori, in modo da ottenere più dati per ampliare la rete di monitoraggio a Londra.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento