L’America ha sganciato la MOAB ‘madre di tutte le bombe’, ma la Russia ha quella più grande (video)

Gli Stati Uniti hanno sganciato la più grande bomba non nucleare mai usata in combattimento su obiettivi Isis in Afghanistan. Il ministero della difesa afghano ha già confermato che l’attacco ha ucciso militanti dell’Isis e distrutto una rete di tunnel nella provincia orientale di Nangarhar.
La bomba convenzionale di 21.600 chili indicata come Massive Ordinance Air Blast (MOAB), soprannominata la madre di tutte le bombe, è la più grande bomba non nucleare nell’arsenale degli Stati Uniti, ha un raggio di esplosione di più di 1,6 chilometri di larghezza e una resa esplosiva di 11 tonnellate di tritolo, ma la Russia possiede una bomba ancora più potente.

Foab il padre di tutte le bombe
La versione russa della MOAB americana è l’Aviation Thermobaric Bomb of Increased Power (ATBIP) nota con l’acronimo FOAB “Father of All Bombs” (“padre di tutte le bombe“). E’ quattro volte più potente, con una resa esplosiva di quasi 44 tonnellate di tritolo.
Il FOAB russo sviluppato nel 2007, è una bomba a caduta libera, di tipo termobarico. Il capo delle forze armate russe, Alexander Rukshin, ne ha descritti gli effetti distruttivi in questo modo: «Tutto ciò che è vivo, semplicemente evapora».

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...