In Siria dilaniato dalla guerra appare una statua di bronzo di Gesù Cristo, più alta del Cristo Redentore di Rio de Janeiro (foto)

Una statua di bronzo di Gesù Cristo, più alta della famosa statua del Cristo Redentore di Rio de Janeiro, è apparsa in Siria dilaniato dalla guerra. La statua, dal titolo “Io sono venuto a salvare il mondo” è l’idea di Yury Gavrilov, un quarantanovenne moscovita che gestisce un’organizzazione di Londra chiamata St. Paul and St. George Foundation.
Il progetto è stato sostenuto dalla Chiesa russa ortodossa e il governo russo, attivamente interessato alla Siria, come dimostrato dai recenti avvenimenti. La Russia ha anche una base navale sulla costa mediterranea della Siria.
La statua è stata realizzata in Armenia dallo scultore armeno Artush Papoian. L’etnia armena della Siria dall’inizio del conflitto è fuggita dal paese, ora settemila armeni ha cercato rifugio nella vicina Armenia.
La statua è stata installata il 14 ottobre 2013 in coincidenza di due feste religiose, cristiana ortodossa e musulmana (i cristiani ortodossi celebrano la festa della protezione della Santissima Vergine Maria; i musulmani celebrano la Festa del Sacrificio (Eid al-Adha) (in turco Kurban Bayram).
Il giornale Komsomolskaya Pravda, sulla gigantesca statua, ha scritto:
«Nella regione tutta l’attività militare è stata sospesa mentre la statua era in fase d’installazione, il progetto in lavorazione dal 2005 non è legato alla crisi militare nel paese.
La statua si trova sulla cima di una montagna a pochi chilometri dalla città di Saidnaya, vicino al Monastero dei Cherubini, arroccato sopra il percorso storico del pellegrinaggio da Costantinopoli a Gerusalemme a 2.100 metri sul livello del mare.

Gesù Cristo di bronzo in Siria più alto del Cristo Redentore di Rio de Janeiro
L’enorme statua di bronzo di Gesù Cristo con il basamento è alta 39 metri (più alta della statua del Cristo Redentore di Rio de Janeiro, alta 38 metri), può essere vista dai paesi vicini Libano, Giordania, Palestina e Israele».
Samir el-Gadban direttore di St. Paul and St. George Foundation, ha commentato l’importanza della statua nel paese devastato dalla guerra, ha espresso le sue speranze per il futuro, ha detto:
«Ci auguriamo che questa composizione scultoria porti la pace e l’amore per il cuore delle persone e che il nostro lavoro contribuirà a ristabilire la pace e la calma in questa regione lungamente sofferente».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento