Scienziati stanno elaborando una pillola per emulare i benefici dell’attività fisica senza andare in palestra

Immaginate se, invece di sudare sul tapis roulant e forzare attraverso ripetuti addominali, si potrebbe avere i benefici dell’attività fisica, senza fare alcuna fatica: questo scenario non è pura fantasia, ma un serio obiettivo scientifico di alcuni ricercatori, recentemente hanno pubblicato un’innovazione importante basata su reazioni molecolari per simulare l’attività fisica.
I risultati, pubblicati il 2 ottobre 2015 su Cell Metabolism, mostrano che nel muscolo scheletrico l’esercizio fisico innesca 1.000 cambiamenti molecolari. Il dott. Nolan Hoffman, autore dello studio e ricercatore associato presso la Scuola di Bioscienze Molecolare dell’Università di Sydney, ha detto:
«L’obiettivo è di individuare i cambiamenti più importanti, in modo che possano essere replicati con l’utilizzo di farmaci. Abbiamo creato un modello che pone le basi per i trattamenti futuri, l’obiettivo finale è quello di imitare gli effetti dell’esercizio fisico».
I ricercatori dell’Università di Sydney e dell’Università di Copenhagen hanno lavorato insieme sullo studio, hanno utilizzato una tecnica chiamata spettrometria di massa per studiare nell’attività fisica, i cambiamenti della proteina nel muscolo scheletrico.
I ricercatori prima del test hanno sottoposto quattro uomini sani a una biopsia muscolare, poi per dieci minuti li hanno fatti pedalare duramente su una cyclette, al termine hanno nuovamente eseguito la biopsia muscolare. I loro campioni sono stati spediti a Sydney, dove sono stati esaminati.
Il dott. Nolan Hoffman ha detto: «Senza dubbio siamo molto grati a queste persone, non solo perché hanno dato i loro campioni di muscolo per la scienza, ma anche per aver sostenuto un’intensa attività fisica per il test».
Il progetto è incredibilmente complicato perché nessun singolo farmaco potrebbe fornire in modo sicuro i mille effetti di cambiamento molecolare. I ricercatori prima di poter iniziare a creare un farmaco dovranno individuare i più significativi cambiamenti biologici, prevedono di creare un modello di attività fisica per le persone malate, dopo aver identificare le differenze importanti con le persone sane.
Il dott. Nolan Hoffman ha aggiunto:
«Ci sono voluti tre anni per creare il modello di esercizio, passerà un decennio prima di avere la disponibilità della pillola. I ricercatori stanno “lavorando attivamente” per raggiungere l’obiettivo finale.
Un farmaco per sostituire l’attività fisica anche se sembra un regalo per i pigri, potrebbe avere importanti benefici per gli anziani, così come le persone che hanno l’obesità, il diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari. Il trattamento potrebbe migliorare la vita di molti che non possono fare attività fisica. Possiamo fare grandi passi avanti nel campo della medicina».

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...