Worlds Of Bacteria, Alive On Your Skin

The bacteria are part of genuine ecosystems — akin to life on the savannah, the ocean or the rich life of a tropical rain forest.
We think of the inside of the nose as the rain forest, because it contains the greatest wealth of biological diversity.

The human body contains 10 times as many bacterial cells as it does human cells. Biologists have now taken a census of the bacteria that live on our skin, and it turns out that the diversity of life there is quite remarkable. The bacteria between our eyebrows are different from those on the elbow or in some other nook or cranny.
The bacteria are part of genuine ecosystems — akin to life on the savannah, the ocean or the rich life of a tropical rain forest.
"We think of the skin as a desert," says Julie Segre, who studies skin, the body’s largest organ, at the National Human Genome Research Institute. "But within the desert of our dry skin, there are these streams, and those are the creases of our bodies. And then there are the oases, so places that are very moist and rich. That would be something like the underarm or the bellybutton."
Read more
_________
Italian version
 I biologi hanno portato a termine un censimento dei batteri che vivono sulla nostra pelle, hanno scoperto che la diversità di vita dei batteri è notevole: quelli che vivono tra le nostre sopracciglia sono diversi da quelli che vivono sul gomito o in qualche altra piega della pelle.
I batteri fanno parte di un vero e proprio ecosistema simile alla vita sulla savana, nell’oceano o la ricca vita di una foresta pluviale tropicale.
Julie Segre del National Human Genome Research Institute, studioso della pelle, il più grande organo del corpo, spiega:
"La pelle può essere considerata come un deserto con zone aride prive di acqua (come la pelle secca in alcune pieghe del nostro corpo) o con le oasi, ricche di molta umidità (come sotto le ascelle e nell’ombelico".
Julie Segre, con i suoi colleghi, hanno analizzato un campione di batteri prelevato da 20 punti diversi del corpo di 10 volontari sani. Hanno scelto appositamente macchie sul corpo associato con le diverse condizioni dermatologiche per capire meglio come l’equilibrio di batteri influenzano la nostra salute.
Segre ed il suo team ha rilevato che, come sul nostro pianeta, ci sono sorprendenti differenze da un luogo all’altro. Spiega:
"Pensiamo l’interno del naso, come la foresta pluviale perché contiene la più grande ricchezza della diversità biologica.
Il naso è il luogo dove soggiornano i batteri che spesso vanno a colonizzare altre parti del corpo. Proprio come i tropici, utilizzati come rifugio biologico durante l’era glaciale.
Le parti grasse della pelle, come quelle vicine al naso o dietro l’orecchio, ospitano un intero ecosistema di differenti microrganismi".

Un equilibrio di batteri
Julie Segre, aggiunge:
"Ci siamo sempre chiesti il motivo per cui, visto che le cellule umane sono le stesse, alcune malattie della pelle si manifestano in zone differenti: eczema è sempre all’interno del gomito. La psoriasi è sul lato esterno del gomito. Nonostante la loro vicinanza, i microbi che vivono all’interno del gomito e al di fuori del gomito sono molto diversi. La psoriasi e l’eczema non sembrano essere causati da batteri differenti, sembrerebbe una reazione innescata da un cambiamento negli ecosistemi di germi sulla nostra pelle, quindi, quando pensiamo a ciò che modifica lo stato di salute e le cause della malattia, dobbiamo considerare che i batteri, i funghi ed altri microrganismi che vivono insieme a noi, potrebbero essere fuori equilibrio".

Fonte:  Worlds Of Bacteria, Alive On Your Skin

, , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

4 thoughts on “Worlds Of Bacteria, Alive On Your Skin

  1. Tutto ciò contrasta con le mie esigenze di totale autismo in certi momenti del mese… troppo traffico nel naso e nella pelle!

    😉

    Ciao Pat.

Lascia un commento