Variante del coronavirus Covid-19 emersa in Spagna si è diffusa in più paesi europei

Gli scienziati hanno detto che la maggior parte dei nuovi casi di coronavirus Covid-19 in Europa deriva da un ceppo mutato del coronavirus che è stato rintracciato in Spagna e durante l’estate è stato diffuso dai turisti in tutto il continente. La variante molto probabilmente ha avuto origine nei lavoratori agricoli nel nord-est della Spagna, dove è stato registrato per la prima volta nel mese di giugno.
Il team di scienziati dell’Università di Basilea, dell’ETH Zürich di Basilea e di SeqCovid in Spagna hanno utilizzato il servizio medRxiv per rendere disponibile il loro studio come “preprints” (una bozza di articolo scientifico che non è stata ancora valutata da una rivista accademica che prevede revisione paritaria peer review), consentendo altri scienziati per vedere, discutere e commentare immediatamente i risultati. Hanno detto che un evento sospetto di “super spargitore” (un individuo che è altamente contagioso e in grado di trasmettere una malattia trasmissibile a un numero insolitamente elevato di individui non infetti), ha rappresentato una precoce e rapida diffusione del virus, che è stato poi propagato all’estero da parte di turisti e altri viaggiatori.
La variante a ottobre era stata identificata in 12 paesi del continente, così come a Hong Kong e in Nuova Zelanda, non ci sono ancora dati che suggeriscano che questa variante sia più letale. La variante della SARS-CoV-2, nota come 20A.EU1, alla fine di luglio si era diffusa in almeno sei paesi europei.
Gli scienziati hanno detto:
«Centinaia di varianti del virus sono presenti in Europa, ma poche sono così diffuse come il cluster 20A.EU1, questa variante, 20A.EU1, e una seconda variante 20A.EU2, rappresentano la maggior parte delle sequenze recenti in Europa».
I ricercatori hanno detto che i turisti di ritorno dalla Spagna hanno avuto un ruolo significativo nella diffusione del virus in tutta Europa, più di quattro su cinque nuovi casi del virus nel Regno Unito sono venuti da questa variante, gli scienziati hanno collegato tale circostanza a circa 250 singole trasmissioni del virus al paese nei mesi di luglio e agosto. L’analisi delle sequenze virali a Hong Kong in confronto, suggerisce che le infezioni in quel paese provengano da una sola fonte, mentre i campioni neozelandesi potrebbero provenire da ben tre diverse trasmissioni dall’Europa.
Gli scienziati hanno evidenziato che la variante è circoscritta principalmente in Europa a causa della mancanza di viaggi intercontinentali durante la pandemia. Le autorità in alcuni periodi dell’estate hanno permesso di viaggiare senza quarantena all’interno dell’Europa.
Gli scienziati hanno detto:
«L’aumento della prevalenza della variante 20A.EU1 in tutta Europa implica che le linee guida e le restrizioni sui viaggi estivi non erano generalmente sufficienti a prevenire la trasmissione delle introduzioni da altri paesi».
Il team di ricercatori ha detto che la variante potrebbe essere più contagiosa del solito ceppo SARS-CoV-2, hanno aggiunto che è particolarmente difficile determinare in modo definitivo il motivo per cui la variante si sta diffondendo così rapidamente.
Gli scienziati a causa della mancanza di dati non sanno se la variante sia più grave, hanno detto:
«La sorveglianza genomica permette di rilevare e tracciare questo cluster, ma l’assenza di una sequenza coerente e uniforme in tutta Europa ha ancora limitato i nostri sforzi».
I ricercatori hanno detto che i governi dovrebbero tenere conto dei dati quando pianificano un ritorno per viaggiare in Europa. Il rapporto arriva dopo che recentemente la Francia e la Germania hanno annunciato restrizioni di blocco più severe.
I Paesi dovranno affrontare un blocco di un mese in cui bar e ristoranti dovranno chiudere di nuovo; in Francia, anche i negozi non essenziali non possono rimanere aperti, mentre in Germania gli hotel non possono ospitare turisti e le palestre e i teatri devono chiudere.

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →