Uno sguardo inedito all’interno dell’inaccessibile vita quotidiana della Corea del Nord (Foto)

David Guttenfelder, al di fuori della Corea del Nord, è una delle poche persone al mondo che ha potuto vedere con i propri occhi come si svolge la vita all’interno dei confini restrittivi del paese.
David Guttenfelder, fotografo dell’Associated Press, corrispondente per l’Afghanistan, Corea del Nord e Giappone, sul suo sito ha scritto:
«Guarda il mio feed Instagram, da gennaio 2013 sto postando con iPhone e Ipod touch, immagini geolocalizzate dall’interno della Corea del Nord (vedi foto).
E’ il mio ventesimo viaggio in Corea del Nord, tutto è iniziato nel 2000 quando ho accompagnato Madeleine Albright, l’allora Segretario di Stato degli Stati Uniti in visita per incontrare il defunto leader Kim Jong II. Durante quel viaggio, ci dissero di non prendere le foto dal bus, le finestre dell’hotel dove eravamo alloggiati erano coperte da teli di plastica nera.
Il cambiamento allo stato di restrizione della Corea del Nord è avvenuto questa settimana, Koryolink la compagnia locale, la joint-venture coreano-egiziana fornitore di telefonia mobile cellulare, ha annunciato che a tutti gli stranieri che visitano la Corea del Nord, sarà permesso di utilizzare i loro telefoni cellulari per collegarsi a internet su rete 3G della Repubblica della Corea del Nord.
E’ un modo efficace per connettersi direttamente con il mondo esterno da uno dei paesi più isolati della terra. Hanno aperto un piccolo spiraglio sulla finestra della Corea del Nord, nel frattempo, per quasi tutti i nordcoreani, non sarà consentito l’accesso al servizio stesso, la finestra rimane ben chiusa”.
David Guttenfelder, come si può vedere sul suo sito e Instagram, ha documentato le scene della vita quotidiana della Corea del Nord,  un paese in gran parte invisibile, catturando immagini che a volte sono eccentriche, altre volte inquietanti.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento