Trichana Küche – In Bulgaria, cani terrorizzati a morte per soddisfare un barbaro rituale (video)

Ogni anno i superstiziosi abitanti del villaggio di Brodilo, ripetono l'antico rituale, con un dispositivo sollevano i cani legati  a due funi attorcigliate, perpendicolari su una  pozza d'acqua

I cani sospesi nel vuoto, terrorizzati iniziano a volteggiare velocemente, perdono quasi conoscenza, poi, quando le funi si sono srotolate, cadono in acqua da un'altezza di cinque metri. E 'il volo che può segnare la loro morte, alcuni cani dopo il veloce volteggiare, mentre cadono in acqua sono incoscienti, molti rischiano di annegare …


Ancho Ganev, ambasciatore della Bulgaria in Norvegia, ha scritto quest’e-mail, indirizzata a tutti quelli che hanno protestato per il barbaro rituale.
"Sinceramente apprezzo la reazione, innescata dalla pubblicazione sui media dell'abuso sui cani nel villaggio di Brodilovo, in Bulgaria.
Il villaggio di Brodilovo è molto piccolo, conta appena 350 abitanti. E'situato alle pendici dei Monti Strandja nella parte sud-orientale del paese in una zona scarsamente popolata a meno di 10 km dal confine con la Turchia.
La zona è raramente visitata da estranei, questo ha permesso fino a poco tempo fa di tenere nascosto il rituale.
I fatti che accadono nel villaggio di Brodilovo, gettano un'ombra cupa sulla Bulgaria e il popolo bulgaro. E' molto importante sottolineare che sia nella regione sud-orientale della Bulgaria (la contea di Bougras) o in altre regioni del paese, l'abuso sui cani o qualsiasi altro animale non ha nulla a che vedere con la fede religiosa o tradizioni folkloristiche. Ciò è confermato da illustri studiosi ed esperti (sia bulgari che stranieri).
Il popolo bulgaro è profondamente turbato da quanto pubblicato dai media, non è piacevole vedere i nostri connazionali in Brodilovo, praticare qualcosa di così inaccettabile, crudele e intrinsecamente estraneo allo spirito della tradizione bulgara.
La protesta sollevata ha prodotto una forte pressione sulle autorità del villaggio di Brodilovo e la sua popolazione.
In data 9 marzo 2005, Dimitar Dimitrov, sindaco del Villaggio, ha reso una dichiarazione ufficiale per esprimere personalmente e in nome di tutti i suoi concittadini il più profondo rammarico. Ha chiesto il perdono a tutto il popolo bulgaro. Ha scritto:
"Vorrei ringraziare i norvegesi, amanti degli animali che, come i loro amici bulgari, hanno espresso sdegno e preoccupazione".
In conclusione Gancho Ganev, ha scritto:
"La vostra coscienza civile è davvero ammirevole. Sono fiducioso per il buon esito della protesta – più forte di qualsiasi altra azione – contribuirà alla definitiva eliminazione del barbaro rituale.
Cordiali saluti, dall'ambasciatore Gancho Ganev". 
 

Il Trichana Küche, nonostante le proteste degli amici degli animali e le le promesse … dell'Ambasciatore, continua a offrire il suo spettacolo …

, , , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento