Trancia le dita di una mano a una bambina affamata, era nel suo campo a raccogliere spinaci

Un latifondista indiano di casta indù superiore, ha tranciato con un falcetto le dita della mano destra di Khushboo, una bambina di 10 anni, entrata per errore nel suo campo per raccogliere alcune foglie di spinaci.
Il terribile episodio è accaduto una settimana fa in un villaggio indiano nel distretto di Bhagalpur. La polizia è sulle tracce dell’uomo che ha commesso l’orrendo crimine, presto verrà arrestato.
La famiglia della piccola Khushboo, appartiene alla casta indù dei Dalits, i più poveri, i più oppressi. In India, rappresentano il 16 per cento della popolazione. Nelle zone rurali, il divario tra caste indù è molto marcato, i Dalits, subiscono maltrattamenti da chi è di casta indù superiore, spesso sono vittime di violenze e omicidi. Ai Dalits, non è permesso di entrare nei templi indù; possono svolgere solo lavori umili, i più fortunati, puliscono le latrine igieniche.
Il padre di Khushboo, ha raccontato al giornale  "Hindustan Times" quello che è accaduto a sua figlia:
"Io e mia moglie, umili lavoratori, non avendo in casa nulla da mangiare, avevemamo detto a nostra figlia di andare a raccogliere l’erba lungo la linea ferroviaria. La piccola Khushboo, senza rendersi conto, forse perché si era smarrita, è finita nel campo di quell’uomo, un latifondista di casta indù superiore. Era intenta a raccogliere la cicoria, è sopraggiunto l’uomo e senza dire una parola, ha afferrato la mano destra di mia figlia e con un falcetto le ha tranciato tutte le dita".
Liberamente tradotto da DailyTelegraph

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

15 thoughts on “Trancia le dita di una mano a una bambina affamata, era nel suo campo a raccogliere spinaci

  1. E’ veramente aberrante!

    I bambini e i vecchi sono l’anello debole di ogni società, se poi sono anche più che poveri…

  2. Qualcun’altro qui mi ha preceduta ed ha già scritto, prima di me, che cosa taglierei io a lui…

    Baciotto per te*

Lascia un commento