Tradizione secolare nel Palazzo del Vescovo: cigni addestrati a suonare la campanella quando hanno fame

E’ una tradizione secolare, quella dei cigni che vivono in acqua nel fossato, nel punto più pittoresco della contea di Somerset, addestrati, per ottenere il cibo, a tirare con il becco la corda legata a una campanella.
La storia racconta che ad iniziare la tradizione nel Palazzo del Vescovo, nel 1870, sia stata la figlia del custode, e che da allora è continuata interrottamente fino a diventare una sorta d’attrazione turistica.

Il Palazzo del Vescovo, adiacente alla Cattedrale di Wells, per ottocento anni è stata la casa dei Vescovi della Diocesi di Bath e Wells; attualmente parte degli edifici sono ancora utilizzati come residenza dall’attuale Vescovo.
I cigni che vivono nelle acque del fossato, per secoli, per avere il cibo, sono stati addestrati a suonare la campanella. Ora è sorto un problema, l’ultima coppia di cigni non riesce a suonare la campanella perché è stata usurpata da una coppia di anatre mute.
Arblaster Paul e sua moglie Carol, attuali custodi del Palazzo  (hanno anche il compito di addestrare i cigni), sono stati sorpresi dalla intraprendenza delle anatre, Paul, ha detto:
“La nuova coppia di cigni, è stata affidata a noi per vivere nella nuova casa. Come al solito, abbiamo cercato d’insegnargli a suonare la campanella, purtroppo sembrano molto timide.
La novità è che una coppia di anatra muta, ha preso a suonare la campanella per tutto il tempo, sono sempre alla ricerca del cibo.
I cigni sembrano timidi, restano dietro, lasciano alle anatre mute il compito di suonare la campanella. I turisti, richiamati dalla tradizione, si aspettano di vedere i cigni, invece a suonare la campanella sono le anatre mute che hanno imparato a farlo.
La coppia di cigni, anche se lentamente, inizia a migliorare nell’addestramento, attendiamo fiduciosi il loro primo suono della campanella“.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento