Tim Hunt Premio Nobel si dimette dopo commenti sessisti

Tim Hunt nel 2001 Premio Nobel per la Medicina può essere una delle menti più acute in biochimica, ma è chiaramente un sessista quando si tratta di parità di genere. Il 9 giugno 2015 in occasione della Conferenza mondiale dei giornalisti scientifici a Seoul, Corea del Sud, prima di fare commenti sessisti solo per dimostrare il suo punto di vista, ha ammesso di avere la reputazione di essere un “maschilista”.
Il settantaduenne Nobel per la Medicina nel 2001 dopo aver ringraziato le giornaliste presenti ha detto:
«Gli scienziati dovrebbero lavorare in laboratori senza donne. Lasciate che vi racconti la mia difficoltà con le ragazze, tre cose che succedono quando si trovano in laboratorio, ci innamoriamo di loro, s’innamorano di noi, quando le critichiamo, piangono».
Le parole di Tim Hunt hanno scatenato un fuoco di polemiche, la Royal Society, di cui Tim Hunt è stato un membro per più di due decenni, si è affrettata a prendere le distanze dai suoi commenti:
«La Royal Society ritiene che, al fine di raggiungere tutto ciò che è possibile, la scienza abbia bisogno di fare il miglior uso delle capacità di ricerca dell’intera popolazione. Troppe persone di talento non possono soddisfare il loro potenziale scientifico a causa di problemi di disuguaglianza di genere, noi siamo impegnati a rimediare a questo problema».
Tim Hunt si è dimesso, prima di farlo aveva chiesto scusa per i suoi commenti, spiegando a BBC Radio 4: «Sono molto, molto dispiaciuto, se ho offeso, questo è terribile. Certamente non lo volevo. Volevo solo essere onesto».
University College di Londra (UCL) ha confermato in un comunicato che il premio Nobel dopo le critiche del suo discorso si è dimesso dal suo ruolo di professore onorario:
«UCL può confermare che Sir Tim Hunt oggi ha dato le dimissioni dal suo incarico di professore onorario presso la Facoltà di Scienze della Vita UCL, dopo i commenti fatti sulle donne nella scienza alla Conferenza mondiale dei giornalisti scientifici, il 9 giugno 2015.
UCL è stata la prima università in Inghilterra ad ammettere le studentesse in condizioni di parità con gli uomini, l’università ritiene che questo ia compatibile con il nostro impegno a favore della parità di genere».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento