Tim Berners-Lee inventore del web ha preparato Solid una nuova versione per liberare gli utenti dal controllo di Facebook, Google e Amazon

La giornalista Katrina Brooker per Fast Company ha scritto:
«Tim Berners-Lee, inventore del World Wide Web, la scorsa settimana mi ha chiesto di venire a vedere un progetto su cui ha lavorato quasi come per lo stesso World Wide Web.
E’ una fresca giornata autunnale a Boston, dove Tim Berners-Lee lavora in un ufficio sopra una palestra di pugilato. Dopo avermi cortesemente offerto una tazza di caffè, mi ha condotto in una sala riunioni. A un’estremità di un lungo tavolo c’è un portatile malconcio coperto di adesivi. Qui, su questo computer, sta lavorando a un piano per modificare radicalmente il modo in cui tutti noi viviamo e lavoriamo sul web.
“L’intento è il dominio del mondo”, dice Tim Berners-Lee con un sorriso ironico. Lo scienziato di origini britanniche è noto per il suo asciutto senso dell’umorismo, ma in questo caso, non sta scherzando.
“Dobbiamo farlo ora”, dice, mostrando un’intensità e un’urgenza che non è caratteristica di quest’accademico dal linguaggio morbido.
E’ un momento storico”.
Tim Berners-Lee da quando sono emerse rivelazioni secondo cui Facebook aveva permesso che i dati privati delle persone fossero utilizzati in modo improprio dagli operatori politici, ha sentito l’esigenza di portare questo idillio digitale nel mondo reale: in un recente post pubblicato la scorsa settimana, spiega che sta prendendo un anno sabbatico dal MIT per lavorare a tempo pieno su Inrupt: è la prima grande società commerciale costruita a partire da Solid, una piattaforma web decentralizzata che lui e gli altri del MIT hanno impiegato anni a costruire”.

Una rete per internet di oggi
Inrupt se tutto va come pianificato, sarà a Solid come un tempo Netscape è stato per molti nuovi utenti del web: un modo semplice per entrare. E come con Netscape, Tim Berners-Lee spera che Inrupt sarà solo la prima di molte società a emergere da Solid la piattaforma open source tecnicamente potente costruita per decentralizzare il web. La sua missione è quella di rimodellare il web come lo conosciamo. Solid promuoverà una nuova generazione di applicazioni con capacità al di sopra e al di là di tutto ciò che esiste oggi.
“Lo immagino da molto tempo”, dice Tim Berners-Lee. Apre il suo portatile e inizia a scrivere sulla tastiera. Guardare l’inventore del lavoro sul web al suo computer sembra come vedere Beethoven comporre una sinfonia: è avvincente ma difficile da comprendere appieno.
“Ora siamo nel mondo Solid”, dice con i suoi occhi che s’illuminano di eccitazione. Avvicina il laptop verso di me, così anch’io posso vedere.
Sul suo schermo, c’è una pagina web dall’aspetto semplice con le schede in alto: la lista delle cose da fare di Tim Berners-Lee, il suo calendario, le chat, la rubrica. Ha costruito quest’applicazione, una delle prime su Solid, per il suo uso personale. E’ semplice, essenziale. E’ qui che per Tim Berners-Lee inizia la rivoluzione. L’applicazione, utilizzando la tecnologia decentralizzata di Solid, permette a Tim Berners-Lee di accedere a tutti i suoi dati senza soluzione di continuità: il suo calendario, la sua biblioteca musicale, i video, la chat, la ricerca. E’ come un mash-up di Google Drive, Microsoft Outlook, Slack, Spotify e WhatsApp.
La differenza qui è che, su Solid, tutte le informazioni sono sotto il suo controllo. Ogni bit di dati che crea o aggiunge su Solid esiste all’interno di Solid Pod, un sistema di archiviazione dati personali online, permette agli utenti Solid di controllare le loro applicazioni e le informazioni sul web.
Tim Berners-Lee dice che chiunque utilizzi la piattaforma otterranno un pod Solid identity e Solid pod. E’ questo il modo in cui le persone si riprenderanno il web togliendolo allo strapotere delle delle grandi piattaforme digitali.  Per esempio, un’idea su cui  Tim Berners-Lee sta lavorando è un modo per creare una versione decentralizzata di Alexa, l’assistente digitale sempre più onnipresente di Amazon. Lo chiama Charlie. A differenza di Alexa, su Charlie le persone possiedono tutti i loro dati. Ciò significa che potrebbero fidarsi di Charlie, ad esempio, per quanto riguarda le cartelle cliniche, gli eventi scolastici dei bambini, o i documenti finanziari. E’ questo il tipo di dispositivo che Tim Berners-Lee spera di trovare in Solid per trasformare le dinamiche di potere del web da società a individui.

Nuova rivoluzione per gli sviluppatori?
Tim Berners-Lee crede che Solid sia in sintonia con la comunità globale di sviluppatori, hacker e attivisti di internet che hanno il peso sul controllo aziendale e governativo del web. “Gli sviluppatori hanno sempre avuto un certo spirito rivoluzionario”, osserva. Eludere le spie governative o i signori aziendali può essere il richiamo iniziale di Solid, ma la maggiore attrazione sarà qualcosa di ancora più seducente per gli hacker: la libertà. Nel web centralizzato, i dati sono tenuti in silos controllati dalle aziende che li costruiscono, come Facebook e Google. Nel web decentralizzato, non ci sono silos.
Gli sviluppatori di tutto il mondo da questa settimana, potranno iniziare a costruire le proprie applicazioni decentralizzate con strumenti attraverso il sito Inrupt. Tim Berners-Lee trascorrerà quest’autunno in giro per il mondo, fornendo tutorial e presentazioni agli sviluppatori su Solid e Inrupt (il 23 ottobre 2018 ci sarà un tutorial Solid al nostro Fast Company Innovation Festival).
“La meraviglia di avere una startup rispetto a un gruppo di ricerca è che le cose si fanno”, dice. In questi giorni, invece di recarsi al suo laboratorio al MIT, Tim Berners-Lee arriva negli uffici di Inrupt, al momento ha sede presso Janeiro Digital, una società che ha stipulato un contratto per collaborare con Inrupt. La società è composta da Tim Berners-Lee, dal suo partner John Bruce (ha costruito Resilient, una piattaforma di sicurezza acquistata da IBM), da alcuni sviluppatori assunti per lavorare al progetto e da una comunità di programmatori volontari.
Tim Berners-Lee a fine autunno prevede di iniziare a cercare successivi finanziamenti di rischio e far crescere il suo team. L’obiettivo, per ora, non è quello di guadagnare miliardi di dollari. L’uomo che ha regalato il web al mondo non è mai stato motivato dal denaro. Tuttavia, i suoi piani potrebbero avere un impatto su modelli di business da miliardi di dollari che traggono profitto dal controllo sui dati. E’ improbabile che le grandi potenze del web rinuncino al controllo senza combattere.
Tim Berners-Lee alla domanda su quest’argomento, risponde chiaramente: “Non stiamo parlando con Facebook e Google per decidere se introdurre o no un cambiamento completo in cui tutti i loro modelli di business sono completamente ribaltati durante la notte. Non chiediamo il loro permesso”».
La competizione è iniziata.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →