Testata la terapia del vampiro, trasfusioni di sangue giovane per invertire l’invecchiamento e curare l’Alzheimer

Può sembrare roba di romanzi horror gotici, ma gli scienziati credono che le trasfusioni di sangue giovane potrebbe invertire il processo d’invecchiamento e anche curare il morbo di Alzheimer.
Le culture di tutto il mondo nel corso della storia, hanno esaltato le proprietà di sangue giovane, con i bambini sacrificati e il sangue di giovani guerrieri bevuto dai vincitori. Il dittatore nord-coreano Kim Jong-il, secondo alcune voci si è iniettato il sangue di sane ragazze vergini per rallentare il processo d’invecchiamento.
Ora gli scienziati hanno scoperto che il sangue giovane in realtà ricarica il cervello, forma nuovi vasi sanguigni e migliora la memoria e l’apprendimento.
Gli scienziati dell’Harvard University nella ricerca parallela, hanno anche scoperto che una proteina della gioventù che circola nel sangue è responsabile di mantenere giovane e forte il cervello e il muscolo. La proteina, conosciuta come ‘GDF11’, quando siamo giovani è presente nel sangue in grandi quantità, ma si esaurisce con l’età.
I ricercatori anche se entrambe le scoperte sono state fatte nei topi, sperano di iniziare la sperimentazione umana nei prossimi due o tre anni, in studi che potrebbero portare miglioramenti rapidi per la longevità e la salute umana.
Il prof. Doug Melton, del Dipartimento di Biologia delle cellule staminali e Rigenerativa di Harvard, ha detto:
«Questo ci deve dare speranza per un futuro più sano. Noi tutti chiediamo perché eravamo più forti e mentalmente più agile da giovane, in questi due documenti particolarmente interessanti in realtà indichiamo una possibile risposta. Sembra che ci siano pochi dubbi, la proteina GDF11 ha una straordinaria capacità di ripristinare l’invecchiamento muscolare e la funzione del cervello».
L’anno scorso il team ha scoperto che la proteina potesse riparare i cuori danneggiati, il nuovo studio ha dimostrato che aumentando i livelli della proteina GDF11 in topi anziani ha migliorato la funzione di ogni organo del corpo.
Il prof. Doug Melton, ha aggiunto:
«Noi pensiamo che, almeno in linea di principio, con una singola proteina ci sarà un modo per invertire alcune parti del declino d’invecchiamento. Non è fuori discussione che la proteina GDF11, o un farmaco, sviluppato da esso, potrebbe essere utile nella malattia di Alzheimer».
E’ probabile che la proteina sia almeno parzialmente responsabile della constatazione parallela della Stanford University che il sangue giovane può invertire i segni dell’invecchiamento, nello studio, il sangue di topi di tre mesi è stato ripetutamente iniettato in topi di 18 mesi di età, vicini alla fine del loro ciclo di vita naturale. La “terapia del vampiro” ha migliorato le performance di topi anziani nella memoria e nell’apprendimento di compiti.
Lo studio pubblicato sulla rivista Science ha evidenziato che i cambiamenti strutturali, molecolari e funzionali sono stati visti anche nei loro cervelli. Negli esseri umani, potrebbe portare a nuove terapie per ricaricare i nostri cervelli anziani e nuovi farmaci per il trattamento di forme di demenza come il morbo di Alzheimer.
Il dott. Saul Villeda della Scuola di Medicina di Stanford, ha detto:
«Abbiamo dimostrato che almeno alcuni disturbi legati all’età nella funzione del cervello sono reversibili. Non sono definitivi».
I topi anziani che per tre settimane hanno ricevuto infusioni di sangue giovane hanno migliorato le loro prestazioni nei test mentali di condizione di paura e localizzazione di una piattaforma nascosta in un labirinto d’acqua.
I test hanno evidenziato nuove formazioni di connessioni che si formano nell’ippocampo, una regione del cervello fondamentale per la memoria e sensibile all’invecchiamento. Le spine dendritiche che ramificano dal neurone, che si pensa siano coinvolte nel supporto strutturale della memoria a lungo termine, sono diventate più dense.
Lo studio pubblicato sulla rivista Nature, ha evidenziato che infusi di sangue da altri topi anziani non ha avuto alcun effetto. Il ricercatore Dott. Tony Wyss-Coray di Stanford, ha detto:
«Questo potrebbe essere stato fatto venti anni fa, non hai bisogno di sapere nulla di come funziona il cervello, basta dare il sangue giovane a un topo vecchio e vedere se l’animale è più intelligente di prima. Nessuno l’ha fatto. I nostri dati indicano che i topi vecchi trattati con il sangue giovane sono in grado di ringiovanire la plasticità sinaptica e migliorare la funzione cognitiva. Studi futuri sono previsti negli esseri umani di una certa età e, potenzialmente, chi soffre di malattie neurodegenerative legate all’età».
Il dott. Eric Karran, dell’Alzheimer’s Research del Regno Unito, ha dichiarato:
«Questo studio tecnicamente complesso sul declino cognitivo correlato all’età, esamina gli effetti dell’esposizione di topi vecchi ai fattori ematici da giovani topi, anche se i trattamenti qui testati ringiovaniscono nei topi alcuni aspetti dell’apprendimento e della memoria, questi studi sono sconosciuti sull’importanza per l’uomo. La ricerca anche se è molto interessante, non ha ancora indagato il tipo di deficit cognitivo che si osserva nella malattia di Alzheimer, che è una conseguenza inevitabile dell’invecchiamento».

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento