Terapia fotodinamica

Tecnica laser, per combattere il cancro con la luce

Terapia fotodinamicaBush Sammie, quando accennò al suo medico che talvolta avvertiva qualcosa nel retro della sua gola, non immaginava di avere il cancro e di diventare il primo paziente dell’"University of Illinois Medical Center"di Chicago, ad essere sottoposto alla terapia fotodinamica – una nuova procedura basata sull’utilizzo della luce per distruggere il cancro.
Il medico di Bush Sammie, il dottor Steven H. Sims, assistente professore di Otorinolaringologia e direttore della "UIC Chicago’s Institute for Voice Care", aveva stabilito che la sola chirurgia non sarebbe stata sufficiente a rimuovere completamente il cancro di Bush.
Utilizzando la tecnica laser che individua le cellule tumorali, Sims, ha rimosso il cancro dalla gola di Bush, senza alterare la funzionalità della sua voce: un lieve mal di gola  per alcune settimane e la necessità di proteggere dai raggi solari, la sua pelle fotosensibile, gli unici effetti collaterali dell’intervento.

Terapia fotodinamica, il dottor Steven H. Sims, spiega:
«La terapia fotodinamica è stata utilizzata in altri contesti, ma il suo uso per il trattamento di tumori della gola è recente. L’importanza dell’utilizzo di questa metodica è particolarmente significativa, quando l’intervento riguarda una zona sensibile come quella che interessa le corde vocali.
In sintesi, questa è la procedura che abbiamo utilizzato per l’intervento, martedì, al paziente Bush Sammie, è stato somministrato per endovena un medicinale specifico che ha raggiunto tutte le cellule, rendendole immediatamente fotosensibili e molto vulnerabili alla luce del sole.
Le cellule normali, in due giorni hanno eliminato il medicinale, mentre le cellule cancerose hanno continuato a trattenerlo.
Il giovedì, attraverso un sottile tubicino laringoscopico, abbiamo sollecitato con la luce laser (calibrata con una specifica lunghezza d’onda), una reazione biochimica nelle cellule cancerose che si sono disintegrate in pochi giorni.
La maggior parte degli altri protocolli per il cancro, prevedono lunghe terapie debilitanti con ripetute visite e controlli, questi, non sono necessari per i pazienti sottoposti a terapia fotodinamica: il più delle volte, l’innovativa tecnica, elimina il cancro in una sola seduta.
La terapia fotodinamica per interventi alla gola, non solo è veloce, non chirurgica e poco invasiva, ma ha tassi di guarigione elevati, attualmente riguarda il 90-94% dei casi trattati.
I pazienti dopo l’intervento, devono proteggere adeguatamente la loro pelle dai raggi solari perché restano fotosensibili per quattro, sei settimane.
E’  meraviglioso  – ha concluso il dottor Steven H. Sims -, che oggi la medicina può offrire cure appropriate come quella della terapia fotodinamica, senza effetti collaterali associati, come quelli che si riscontrono in altri tipi di procedura chemioterapica».
Liberamente tradotto da Neswise

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

2 thoughts on “Terapia fotodinamica

Lascia un commento