Swants, ecco come riciclare i vecchi maglioni, per trasformarli in caldi pantaloni (foto)

Che cosa sono gli Swants? Inventati da Stephen West, sono maglioni riciclati in pantaloni tipo “leggings” un indumento aderente che copre le gambe, possono essere indossati da uomini e donne.
Stephen West originario di Tulsa, Oklahoma, dopo essersi trasferito a Chicago, preso dalla passione del lavoro a maglia, ha iniziato la progettazione di modelli mentre quantità epiche di lana sono infiltrate nella sua vita.
Stephen West ora vive ad Amsterdam, ma per diffondere l’amore per il filato in tutte le sue forme spesso viaggia per insegnare presso i laboratori didattici per maglieria in tutti gli Stati Uniti e l’Europa. Ha creato una propria serie di modelli e anche disegni per Malabrigo Filati e Kitty.

Swants maglioni riciclati in pantaloni

Tutorial per realizzare gli Swants
Stephen West per creare gli Swants, ha messo a disposizione un tutorial step-by-step (vedi). Ha detto:
«La chiave per realizzare gli Swants è di essere creativi. Scegli un maglione divertente ma a buon mercato perché probabilmente per qualche prova sarà necessario più di un maglione prima di ottenere il giusto Swants. In sostanza per creare bellissimi Swants devi usare le maniche del maglione come gambe del pantalone. E’ necessario tagliare e cucire il collo del maglione chiuso.

Stephen West oltre al video realizzato per far ballare gli Swants, ha dedicato questo pensiero:
«Un paio di swants il giorno toglie i brividi gelidi di torno.
Il tuo barbone ti ringrazierà e gli amici potranno sculacciarti.
Avvolge le cosce con punti maglia accoglienti.
Nei vostri eleganti nuovi pantaloni sarete l’invidia di tutti.
Gli Swants richiedono coraggio, atteggiamento, e determinazione. Indossarli è come vincere al bingo, all’Yahtzee o fare una schiacciata a pallacanestro.
Vi possono deridere ma non abbiate paura, perché voi siete i pionieri alla scoperta di una nuova frontiera».

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento