Studio pilota: l’emicrania può essere trattata senza medicine

I pazienti con emicrania possono ridurre l’assunzione di farmaci o smettere di usarli completamente utilizzando un inalatore di nuova concezione che modifica la composizione dell’aria che respiriamo. E’ questo il risultato di uno studio pilota condotto presso l’Università di Aarhus in Danimarca.
Lo studio pilota pubblicato sulla rivista scientifica Cephalalalgia ha dimostrato che cambiando leggermente le molecole dell’organismo con un piccolo inalatore, alcuni pazienti con emicrania possono ridurre l’assunzione di farmaci o farne a meno.
I pazienti che soffrono di emicrania con aura, in cui la comparsa del mal di testa doloroso è preceduto da diversi disturbi (sintomi) premonitori, come, ad esempio, la visione di flash luminosi, sono stati esaminati nello studio. Undici pazienti hanno completato lo studio pilota, ora sarà seguito da un ampio studio clinico.
Troels Johansen ingegnere biomedico che ha condotto lo studio, come parte del suo dottorato di ricerca presso il dipartimento di medicina clinica dell’Università di Aarhus e la Clinica per le cefalee dell’Ospedale Universitario di Aarhus, Danimarca, ha detto:
«Per il dispositivo utilizziamo CO2 e ossigeno, sono le molecole naturali dell’organismo per attivare la propria difesa contro gli attacchi di emicrania. L’inalatore espande i vasi sanguigni che forniscono ossigeno al cervello fino al settanta per cento, in questo modo blocca la reazione a catena distruttiva, l’effetto del trattamento inizia dopo pochi secondi.
Lo studio pilota è stato condotto dal 2016-2017 con undici pazienti con emicrania con aura, uno dei risultati è stato che l’effetto del sollievo dal dolore è aumentato significativamente a ogni utilizzo dell’inalatore: il 45 per cento ha avuto un effetto la prima volta, quel numero è salito al 78 per cento la seconda volta».
Troels Johansen, insegna alla Aarhus University School of Engineering, insieme al suo team, ha messo in produzione l’inalatore attraverso l’azienda BalancAir, in conclusione ha detto:
«Poiché il progetto pilota è limitato all’emicrania con aura e comprendeva solo undici pazienti, ora sto progettando di condurre un ampio studio clinico che includerà anche l’emicrania senza aura e l’emicrania cronica».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →