Speranze di cura del melanoma, sorprendenti risultati ottenuti con un vaccino

I ricercatori dell’Università di Adelaide nel corso di dieci anni ha somministrato a cinquantaquattro pazienti del South Australian con avanzato melanoma non operabile, il vaccino noto come lisato cellulare vaccino melanoma (VMCL), sviluppato in collaborazione con il laboratorio CSL di Melbourne.
I risultati pubblicati sulla rivista Journal Immunotherapy of Cancer hanno mostrato che oltre il 15 per cento di pazienti con melanoma avanzato è sopravvissuto per più di cinque anni, mentre riceveva successive vaccinazioni VMCL.
L’Australia in tutto il mondo ha il più alto tasso d’incidenza del cancro della pelle e il più alto tasso di melanoma, che è la forma più aggressiva e letale di cancro della pelle.
Brendon Coventry professore responsabile dello studio, ha detto:
«La sopravvivenza di pazienti con melanoma avanzato rimane estremamente ridotta ma il nuovo vaccino fornisce una vera speranza: c’è un disperato bisogno di migliori trattamenti per fermare e invertire il cancro, il vaccino nelle fasi successive di melanoma porta alla sopravvivenza a lungo termine e una migliore qualità della vita.
Fino al 30 per cento dei nostri pazienti sono sopravvissuti quasi due anni o più, questi tassi di sopravvivenza sono notevole rispetto ad altri trattamenti correnti. Inoltre, non è stato associato a collaterali effetti tossici.
Il paziente sopravvissuto più a lungo, oltre dieci anni fa diagnosticato con un melanoma in stadio IV, dopo il trattamento continua a vivere tranquillamente, è un risultato fantastico per lui e per i suoi cari».
Il vaccino in un caso, ha portato a una rapida diminuzione del numero e delle dimensioni dei tumori sulla gamba di una paziente (attenzione immagine grafica, vedi foto prima e dopo il trattamento con VMCL), ha determinato miglioramenti sostanziali nella sua capacità di camminare e prendersi cura di se stessa pochi mesi dopo l’inizio del trattamento.
Il professor Brendon Coventry ha aggiunto:
«Le vaccinazioni successive con VMCL per un periodo prolungato potrebbero ripetutamente “aumentare” o “resettare” le risposte immunitarie dei pazienti, portando a migliori risultati. Ciò rappresenta un importante passo avanti nella lotta al cancro, dimostra di essere una tecnica clinicamente efficace. Tuttavia, è necessaria più ricerca per capire come ottimizzare questo trattamento. Per esempio, crediamo che una migliore comprensione di come sincronizzare la vaccinazione con la propria risposta immunitaria naturale dell’organismo, potremmo essere in grado di portare i pazienti a tassi di sopravvivenza più lunghi.
Il vaccino VMCL per essere ampiamente disponibile in un tempo non ancora quantificabile, dovrà passare attraverso il processo di commercializzazione. E’ davvero molto piacevole, non ci aspettavamo queste cifre. I tassi di sopravvivenza sono una misura eccellente per determinare l’efficacia del trattamento».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento