Sovraffollamento carceri – Pena ridotta di 48 giorni l’anno, per i detenuti che leggono un libro al mese

In Brasile, per ridurre il sovraffollamento nei penitenziari federali, è stato varato un nuovo programma chiamato “Redenzione attraverso la lettura“, consente  una riduzione di pena per i criminali (alcuni sono tra i più noti del Brasile, rinchiusi in quattro prigioni federali), in grado di  leggere fino a 12 opere di letteratura, filosofia, scienza o classici.
L’avviso, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, riporta che i detenuti, entro un mese, dovranno leggere il libro scelto e scrivere un saggio che deve fare  uso corretto dei paragrafi, essere privo di errori, utilizzare i margini e la leggibilità della scrittura”.
Andre Kehdi, avvocato, dirige un progetto che dona libri alle carceri, ha detto che “un detenuto può uscire dal carcere più illuminato e con una visione allargata del mondo.  Ha poi aggiunto: “Senza dubbio i libri lasceranno uscire una persona migliore“.
Tra i libri raccomandati per il saggio dei detenuti, figurano:
Delitto e castigo di Dostoevskij;
Papillon di Henri Charrière;
– Resurrezione di Lev Nikolaevic Tolstoj.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

3 thoughts on “Sovraffollamento carceri – Pena ridotta di 48 giorni l’anno, per i detenuti che leggono un libro al mese

  1. Un mese non ti basta? Quanti anni di detenzione ti servono? :-). Ciao, grazie per il commento.

Lascia un commento