Sfide – Come assicurare il pesce fresco ai giapponesi?

La soluzione impossibile, come nella vita, a volte è quella che non è mai stata tentata …

I giapponesi hanno sempre amato il pesce fresco, purtroppo il mare circostante è povero di pesce, non può soddisfare la richiesta, quindi, per nutrire la popolazione giapponese, le piccole barche, sono diventate grandi pescherecci, in grado di andare sempre più lontano per pescare tanto pesce.
Il problema che si è creato è che i pescatori più si allontanano per andare a pescare, più tempo impiegano per ritornare in porto con il pesce da consegnare. Così, se il viaggio di andata impegna diversi giorni, al ritorno il pesce pescato non è più fresco.
L’industria ittica giapponese per risolvere il problema, ha equipaggiato i pescherecci con i congelatori, ciò avrebbe permesso alla flottiglia di percorrere più miglia per pescare i pesci.
I consumatori giapponesi non hanno gradito l’uso dei congelatori, hanno boicottato il consumo del pesce congelato, reclamando solo quello fresco.
L’industria del pesce giapponese, è corsa subito ai ripari, sui pescherecci ha fatto installare grandi vasche colme d’acqua marina, così il pesce catturato poteva rimanere in vita fino al ritorno a terra. Purtroppo, dopo qualche ora, il pesce dentro le vasche, anche se vivo, per stanchezza e noia, smetteva di nuotare.
I consumatori giapponesi anche questa volta, notata la differenza di gusto, concordavano nel dire che quando il pesce non si muove per tanti giorni, perde il suo inconfondibile e delicato sapore di mare. Loro preferivano il sapore del pesce fresco, vivo e vegeto, non il pesce annoiato e stanco portato dai pescatori.

Pesce fresco, ecco la soluzione …
L’industria ittica giapponese, a questo punto, come ha fatto a risolvere il problema per far arrivare il pesce fresco sulle tavole dei giapponesi?
E’ tutto incentrato sulla volontà è passione: nella vita appena si raggiunge uno scopo come quello di iniziare una nuova attività, pagare i debiti, trovare un compagno meraviglioso, o qualsiasi altra cosa, è facile rilassarsi e perdere gli stimoli.
La migliore soluzione adottata dall’industria ittica giapponese, chiamata a una vera e propria sfida da parte dei consumatori, è stata quella più semplice, hanno detto ai pescatori di mettere un piccolo squalo nelle vasche dei pesci. Naturalmente, lo squalo mangia qualche pesce, ma gli altri non stanno più fermi, per rimanere in vita devono nuotare in lungo e in largo nelle vasche.
Così, come nella vita, anche se i problemi sono troppo grandi e numerosi, bisogna affrontarli come in una sfida: una volta raggiunti alcuni obiettivi, bisogna andare oltre per raggiungere quelli del nostro gruppo, la nostra comunità, anche l’intera umanità.
La morale di questa storia del pesce fresco giapponese  (vera? leggenda metropolitana?), è che l’impossibile, come nella vita, a volte si risolve con soluzioni che non sono mai state tentate …

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento