Settimana lavorativa di quattro giorni, clamoroso successo dell’azienda neozelandese

Perpetual Guardian in Nuova Zelanda (aiuta i clienti a gestire i loro testamenti e proprietà), dopo aver testato la settimana lavorativa di quattro giorni, ha detto che l’esperimento ha avuto un tale successo che vuole renderlo permanente.
L’azienda ha pubblicato i risultati della sua sperimentazione di due mesi, ha dichiarato che tutti i suoi dipendenti rispetto al lavoro settimanale hanno evidenziato una maggiore produttività, un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata e inferiori livelli di stress.
I 240 dipendenti durante l’esperimento, dall’inizio di marzo alla fine di aprile, sono stati retribuiti per cinque giorni la settimana. Lo studio è stato condotto da consulenti esterni.
Andrew Barnes, proprietario e CEO di Perpetual Guardian a CNN Money ha detto:
«Era solo una teoria, qualcosa che pensavo di voler provare per creare un ambiente migliore per il mio personale. Sono fiero per la loro risposta, sono andati oltre i miei sogni più sfrenati».
E’ emerso che in un sondaggio condotto alla fine dello scorso anno, solo il 54% degli intervistati aveva dichiarato di sentirsi in grado di gestire l’equilibrio tra lavoro e vita privata; dopo il test, il numero è salito al 78%, anche i livelli di stress del personale sono diminuiti di circa il 7%, mentre le metriche utilizzate per misurare il coinvolgimento del personale sono aumentate in media di circa il 20%.
Jarrod Haar della Auckland University of Technology, uno dei ricercatori che hanno condotto l’esperimento, ha detto:
«Il personale ha avuto la libertà di riorganizzare le loro attività. L’esperimento potrebbe essere un modello per altri luoghi di lavoro e diventare un modo rivoluzionario di lavorare».
Andrew Barnes, CEO di Perpetual Guardian ha aggiunto:
«I miei dipendenti sono diventati più produttivi, trascorrendo meno tempo sui social media o attività non lavorative: un dipendente mi ha detto di aver smesso durante l’orario di lavoro di guardare le e-mail di sua moglie su una ricerca continua di appartamenti».
Il personale dell’azienda ha suggerito altre idee sulla misurazione della produttività, come ad esempio l’installazione di piccole bandierine sulla scrivania quando non vogliono essere disturbati.
L’esperimento è particolarmente significativo in Nuova Zelanda, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico riporta che rispetto ad altri paesi ha una bassa produttività del lavoro.
Andrew Barnes ha raccomandato al consiglio d’amministrazione della sua azienda di rendere permanente una settimana lavorativa di quattro giorni, ha detto che potrebbe servire da esempio per altre aziende in tutto il mondo:
«Il risultato che ho ottenuto è una forza lavoro motivata, energizzata, stimolata e leale. Ho visto le statistiche indicano che il mio personale è ferocemente orgoglioso della società per cui lavorano». Sorridendo, ha aggiunto: «Perché ho mostrato di non aver alcun interesse per loro».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →