Serie di autopsie hanno rivelato patologia polmonare e cardiaca in pazienti Covid-19

I patologi della LSU Health Sciences Center di New Orleans (è tra i centri sanitari accademici più completi della nazione e la principale università della salute della Louisiana), hanno eseguito la prima serie di autopsie sugli afroamericani morti per coronavirus Covid-19 a New Orleans. La loro scoperta fornisce informazioni nuove e critiche per guidare la gestione dei pazienti. I risultati sono stati pubblicati in The Lancet Respiratory Medicine.
Richard Vander Heide professore e direttore della ricerca patologica presso LSU Health New Orleans School of Medicine, ha detto:
«Abbiamo scoperto che i piccoli vasi e capillari nei polmoni erano ostruiti da coaguli di sangue ed emorragie associate che hanno contribuito in modo significativo allo scompenso e alla morte in questi pazienti. Abbiamo anche trovato livelli elevati di D-dimeri, frammenti di proteine coinvolti nell’abbattimento dei coaguli di sangue. Ciò che non abbiamo visto è stata la miocardite, o infiammazione del muscolo cardiaco, che i primi rapporti hanno suggerito di contribuire significativamente alla morte per coronavirus Covid-19».
I pazienti sia maschi sia femmine tra i 40 e i 70 anni, erano tutti afroamericani, molti avevano una storia medica di ipertensione, obesità e diabete di tipo II insulino-dipendente e malattia renale cronica. I pazienti in tutti i casi si sono presentati all’ospedale entro tre giorni o una settimana dopo aver sviluppato una leggera tosse e febbre (38,3 – 38,8), con improvviso scompenso respiratorio o collasso a casa. Le radiografie del torace hanno rivelato “opacità bilaterali a vetro smerigliato”, risultati coerenti con la sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS).
I patologi della LSU Health di New Orleans mentre hanno anche riscontrato lo stesso danno diffuso nelle strutture polmonari coinvolte nello scambio di gas visto nella prima epidemia di SARS, la coagulazione dei piccoli vasi è una nuova scoperta che sembra essere specifica del coronavirus Covid-19 causata da SARS-CoV-2.
Sharon Fox, direttrice di Ricerca e Sviluppo presso il Dipartimento di Patologia della LSU Health New Orleans Scuola di Medicina, ha detto:
«Il nostro studio presenta una vasta serie di autopsie all’interno di uno specifico gruppo demografico che registra il più alto tasso di esiti avversi negli Stati Uniti».
Le autopsie sono state eseguite presso l’University Medical Center di New Orleans, costruito dopo l’uragano Katrina. È uno dei pochi ospedali negli Stati Uniti dotato di una suite di autopsia che soddisfa gli standard dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) per l’esecuzione sicura dell’autopsia di pazienti positivi al coronavirus Covid-19.
Richard Vander Heide in conclusione ha detto:
«Le principali implicazioni del nostro studio includono la scoperta di un meccanismo per patologie gravi all’interno della popolazione afroamericana, probabilmente estendibile a tutte le persone con malattie gravi, e forse un obiettivo per la gestione terapeutica immediata. I risultati possono anche essere applicabili a un più ampio gruppo demografico che presenta una grave malattia coronavirus Covid-19. La gestione di questi pazienti dovrebbe includere la terapia per colpire questi meccanismi patologici».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →