Sensore laser combatte la contraffazione dell’olio extravergine e DOP

I ricercatori dell’Università Complutense di Madrid (UCM) e dello Scintillon Institute negli Stati Uniti hanno progettato un sensore in grado di rilevare l’olio d’oliva contraffatto etichettato come extra vergine o denominazione di origine protetta.
Lo strumento, come riporta il documento pubblicato su Talanta (fornisce un forum per la pubblicazione di documenti di ricerca originali, brevi comunicazioni e recensioni critiche in tutti i rami della chimica analitica pura e applicata), è in grado di distinguere tra oli apparentemente simili che presentano notevoli differenze di qualità. Ciò è possibile grazie all’uso di diodi laser, poiché la fluorescenza emessa dagli olii adulterati è leggermente diversa da quella dei puri oli extra vergini di oliva.
José S. Torrecilla, docente e ricercatore nel dipartimento d’ingegneria chimica e materiali presso l’UCM, ha detto:
«Lo strumento è economico sia da usare sia da produrre (con una stampante 3D). Altri chiari vantaggi del nostro strumento includono la possibilità di condurre analisi in loco, l’apparecchiatura ha le dimensioni di una valigetta portatile, può generare risultati in tempo reale.
Lo strumento offre al settore dell’olio d’oliva un mezzo per affrontare un problema che genera ingenti perdite economiche. La qualità dell’olio d’oliva è riconosciuta a livello nazionale e internazionale, pertanto è necessario proteggere questa qualità e combattere le attività fraudolente svolte con sempre maggiore frequenza e competenza nel settore.
L’esempio di pratica fraudolenta è l’adulterazione dell’olio d’oliva vergine fresco e puro con olio d’oliva inferiore o più economico o di altra origine botanica».

Analisi con algoritmi caotici
I ricercatori per condurre lo studio, hanno mescolato oli a denominazione di origine protetta e monovarietale (prodotto con una sola varietà di olive) con altri oli a denominazione di origine protetta che ha superato la loro data di scadenza. Tutti gli oli sono stati acquistati nei negozi dei centri commerciali.
Le miscele in seguito sono state realizzate con oli che hanno superato la data di scadenza con un’acidità compresa tra l’1 e il 17%. Infine, le misurazioni sono state eseguite utilizzando il sensore, che è stato prodotto con una stampante 3D, ed è stata condotta un’analisi dei risultati ottenuti mediante algoritmi caotici.
I ricercatori in conclusione hanno detto:
«Tale tecnica è disponibile per essere utilizzata in qualsiasi momento, prima del confezionamento dell’olio per il controllo di qualità o dopo il confezionamento per individuare marchi e/o produttori fraudolenti».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →