Sempre più persone utilizzano Facebook per dichiarare la propria sessualità

In onore di Coming Out ​​Day (11 ottobre) e #Spirit Day (15 ottobre), il gruppo di ricerca di Facebook e Data Science – divisione di Facebook, ha pubblicato una relazione che illustra come quest’anno un numero crescente di utenti statunitensi che s’identificano come lesbiche, gay, bisessuali o transessuali si sono manifestati sul social network.
Il team di Facebook a fine giugno subito dopo la decisione della Corte Suprema sul matrimonio omosessuale ha notato un particolare picco nel numero di utenti che si sono manifestati. Il numero di persone che su Facebook giornalmente dichiarano apertamente il proprio orientamento sessuale o la propria identità di genere è ora sulla buona strada per essere tre volte superiore a quello del 2014.
I ricercatori hanno definito questo “coming out” come “aggiornare il proprio profilo per esprime un’attrazione verso lo stesso sesso o specificando un genere personalizzato“. Facebook mentre molti utenti lesbiche, gay, bisessuali e transgender stanno facendo “coming out” online, deve affrontare una battaglia continua con molti utenti nella comunità LGBT contrari alla “politica dei nomi reali“.
L’analisi di Facebook ha anche esaminato il sostegno ai gruppi LGBT, la cui appartenenza ha visto un picco di crescita dopo la sentenza della Corte Suprema sul matrimonio gay. I numeri sono aumentati del 25% nell’ultimo anno. Attualmente, più di sei milioni di americani hanno fatto “coming out” su Facebook.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento