I selfie possono procurare crisi epilettiche

Scattarsi un selfie per alcune persone potrebbe causare attacchi epilettici. I medici della Dalhousie University in Canada stavano conducendo un accertamento di routine sull’epilessia nei giovani quando hanno scoperto due picchi improvvisi di attività cerebrale in una ragazza adolescente tenuta in osservazione per tre giorni in una stanza d’ospedale di Halifax, collegata a un elettroencefalogramma (Eeg).
L’attività sul monitor esattamente si è manifestata quando l’adolescente si è scattata i selfie con il suo smartphone, era il tipo di risposta cerebrale che i medici si attendevano di vedere durante le crisi epilettiche. Ritengono che le crisi epilettiche dell’adolescente potrebbero essere state causate dal flash del suo cellulare o, più probabilmente, la luce rossa lampeggiante progettata per ridurre gli occhi rossi nelle foto.

Epilessia fotosensibile
Le luci lampeggianti secondo NHS, non sono un comune innesco di crisi epilettiche, colpiscono solo il 5% di pazienti con epilessia. Le persone con questa condizione, nota come “epilessia fotosensibile”, sono a rischio di avere disturbi per esposizione alla scintillante luce del giorno, alle luci stroboscopiche e alle tremolanti luci su schermi televisivi o di computer.
I ricercatori hanno detto che saranno necessari ulteriori studi per confermare se la cosiddetta selfie epilessia è un fenomeno provato. I medici ritengono che questi risultati siano un importante richiamo sul motivo per cui scattarsi i selfie in circostanze potenzialmente pericolose, come ad esempio durante la guida, dovrebbe essere evitato da tutti.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento