Scienziato spiega come eliminare i moscerini della frutta dalla nostra cucina

Thomas Merritt presidente canadese di ricerca in genomica e bioinformatica ha scritto:
«Come ricercatore che lavora anche sui moscerini della frutta, spesso mi è chiesto come tirarli fuori dalla cucina di qualcuno. Lo capisco: i moscerini della frutta sono fastidiosi, ecco come ce ne liberiamo nel mio laboratorio, costruiamo una semplice trappola.

  1. Prendere un vasetto di vetro, versare due dita di aceto di sidro (si può usare anche birra o vino).
  2. Tappare il vasetto con l’imbuto. E’ possibile utilizzare un imbuto di plastica se ne avete uno, ma un imbuto improvvisato con la carta funziona bene.
  3. Mettere l’imbuto in posizione, sigillare gli spazi vuoti con lo scotch in modo che i moscerini della frutta non possano uscire.

I moscerini della frutta che volano dentro la trappola non riescono a trovare la via d’uscita. Ogni giorno o due, sostituite l’aceto.

La scienza alla base della trappola per i moscerini della frutta
I moscerini della frutta della specie Drosophila melanogaster, ampiamente utilizzata nella ricerca medica e scientifica, la più comune che ronza intorno alle nostre banane – sono attratti dalla frutta che invecchia, in particolare dalla frutta che marcisce -, lì depongono le uova, le larve si schiudono e si nutrono della polpa morbida e troppo matura.
I moscerini della frutta per trovare quel frutto maturo usa il loro sistema olfattivo. Ciò che attira, sono elementi come l’acido acetico, la molecola che dà all’aceto il suo pungente odore.
I moscerini della frutta che volano nella nostra cucina probabilmente proviene dall’esterno. Le Drosophila melanogaster sono originariamente una specie africana, ma si sono diffuse in tutto il mondo. Noi li chiamiamo una specie “cosmopolita” – si trovano ovunque ci siano persone.
La storia di come si sono adattati a così tanti ambienti diversi come, per esempio, la punta della Florida o addirittura l’Ontario settentrionale, dove vivo, è un argomento interessante di ricerca attuale.
Il motivo per cui facciamo ricerca sui moscerini della frutta è perché sono sorprendentemente simili agli esseri umani – o a qualsiasi altro animale del nostro pianeta. Poiché la vita sulla Terra condivide un’ascendenza comune, ci siamo tutti evoluti in percorsi complessi e intrecciati da un antenato comune. Condividiamo gran parte della nostra genetica e quasi tutta la nostra biochimica.
L’esperimento medio nel mio laboratorio può coinvolgere decine di migliaia di moscerini della frutta. Il 60-80% dei geni che si trovano negli esseri umani sono presenti nei moscerini della frutta, essenzialmente tutta la nostra biochimica e metabolismo è identica. Così, quando ci poniamo una domanda usando i moscerini della frutta, possiamo rispondere a un argomento che ci interessa sugli esseri umani.
E’ questa parentela e la facilità di lavorare con loro in laboratorio, che ha portato la ricerca sui moscerini della frutta alla base di non meno di quattro premi Nobel.
Ironia della sorte, mentre sto scrivendo l’articolo, c’è un moscerino della frutta Drosophila melanogaster che cammina sul bordo della mia tazzina di caffè. I piccoli diavoletti sono dappertutto».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →