Scienziati hanno trasformato la carta in interfaccia uomo-macchina di facile utilizzo (Video)

Gli scienziati hanno svelato un nuovo processo di stampa che può trasformare praticamente qualsiasi pezzo di carta o cartone in una tastiera impermeabile che può essere piegata e messa in tasca, e non richiede una fonte di alimentazione.
La tecnologia utilizza un rivestimento speciale repellente ai liquidi e alla polvere, ciò consente di stampare più strati del circuito sulla carta senza sbavature o degrado tra gli strati. È quindi possibile dall’altro lato della carta o del cartone, utilizzare la stampa a inchiostro standard per indicare dove si trovano i punti di pressione (i pulsanti) e cosa rappresentano, questi strati possono essere stampati in qualsiasi disegno, dai tastierini numerici ai controlli del volume.
La ricerca è stata pubblicata su Nano Energy, gli scienziati hanno detto che per utilizzare la tastiera non sono necessarie batterie o prese di corrente. La tecnica è nota come nanogeneratore triboelettrico o dispositivo TENG, il dispositivo è in grado di essere completamente alimentato dal tocco dell’operatore e dall’energia meccanica prodotta.
Ramses Martinez ingegnere biomedico della Purdue University ha affermato:
«Questa è la prima volta che è dimostrato un dispositivo elettronico cartaceo autoalimentato. Abbiamo sviluppato un metodo per rendere la carta repellente all’acqua, all’olio e alla polvere rivestendola con molecole altamente fluorurate, questo rivestimento onnifobico ci consente di stampare più strati di circuiti su carta senza che l’inchiostro si sparga da uno strato a quello successivo».
Le parti stampate della carta quando vengono pressate sono in grado tramite Bluetooth di trasmettere segnali a un altro dispositivo, ad esempio un laptop, in pratica è resa disponibile una tastiera leggera e pieghevole che può essere portata ovunque e pulita facilmente quando necessario.
La tecnologia soddisfa molte esigenze: si adatta bene ai processi di produzione esistenti, fa bene all’ambiente (la carta può essere semplicemente riciclata) ed è flessibile, oltre ad essere resistente all’acqua è completamente personalizzabile.
I ricercatori hanno detto che questi dispositivi di carta sono anche economici da produrre, meno di 0,25 dollari ciascuno. I potenziali usi includono imballaggi intelligenti o dove sono richiesti dispositivi di input temporanei (vedi in video la carta usata come controllo del volume).

Ramses Martinez ha detto:
«Immagino questa tecnologia utilizzata per facilitare l’interazione dell’utente con l’imballaggio degli alimenti, per verificare se il cibo è sicuro per essere consumato, o per consentire agli utenti di firmare il pacco che arriva a casa utilizzando il proprio dito sulla scatola per identificarsi correttamente come proprietario del pacchetto. Il nostro gruppo inoltre ha dimostrato che semplici fogli di carta di un notebook possono essere trasformati in interfacce di lettori musicali per consentire agli utenti di scegliere i brani, riprodurli e modificarne il volume».

,

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →