Sareste disposti a volare su un aereo senza pilota?

La tecnologia esiste, anche se nessuna compagnia aerea attualmente sta pensando di utilizzarla. Il recente tragico evento nelle Alpi, il disastro aereo GermanWings presumibilmente causato deliberatamente dal copilota, solleva la questione: avrebbe senso volare con aerei senza pilota? Alcuni esperti dicono che la risposta è sì.
Mary “Missy” Cummings, ex pilota dell’Air Force, tra le prime donne a volare con un F /A-18 Hornet (uno degli aerei più versatili attualmente in servizio: infatti, è stato appositamente progettato per coprire il ruolo di aereo da caccia, da attacco al suolo, da supporto aereo ravvicinato, da bombardamento tattico, ricognizione e controllo aereo avanzato), ora è professore d’ingegneria e direttore di Duke’s Humans and Autonomy Laboratory, presso il Duke University, ha detto:
«Gli aerei possono già volare senza pilota, in ogni caso l’intervento umano è limitato a tre minuti effettivi (decollo e atterraggio). Circa l’80% degli incidenti aerei sono causati da errori umani.
L’esercito americano vola già con i droni Global Hawk, hanno quasi la dimensione di un Boeing 737 uno dei più diffusi aerei passeggeri. I dati mostrano che i crash di voli di droni militari sono inferiori a quelli di voli pilotati. Le industrie finora hanno costruito droni senza passeggeri, utilizzati solo per scattare foto aeree e per azioni militari».
John Hansman, professore di Aeronautica e Astronautica al MIT, dirige la divisione degli esseri umani e di automazione, ha detto:
«Probabilmente ci vorranno decenni per utilizzare aerei passeggeri senza pilota. Non è un problema tecnico, si tratta di una questione di fiducia da parte della società».
Mary “Missy” Cummings ha aggiunto:
Il risparmio sui costi potenziali non è da sottovalutare, le compagnie aeree potrebbero salvare migliaia di miliardi di dollari semplicemente passando da un equipaggio di due piloti a un solo pilota a bordo di un aeromobile, in questo caso gli aerei dovranno essere in grado di operare senza un pilota in caso d’inabilità. Il prossimo passo dopo il jet senza pilota, il jet cargo, alla fine sarà l’aereo di linea senza pilota».
Un aereo senza pilota è a rischio di essere violato? Gli esperti dicono che il rischio di pirateria informatica è limitato. Todd Humphreys, professore d’ingegneria aerospaziale dell’Università del Texas, ha detto:
«L’hacking per i passeggeri del volo pone meno rischi di un dirottatore o di un pilota votato al suicidio, come ha detto Cummings, le linee aeree probabilmente riusciranno a convincere i passeggeri a salire a bordo di aerei senza pilota invogliandole con tariffe inferiori. La gente appena prenderà confidenza con le automobili senza pilota, nei prossimi anni cambierà atteggiamento anche verso gli aerei senza pilota. Le persone sempre più interagiscono con l’automazione».

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento