Russia 2045, progetto immortalità – E’ solo questione di tempo, scienziati lavorano per rendere tutti immortali (video)

Rendere possibile l’impossibile è solo una questione di tempo, E’ un po’ inverosimile, lo so, ma Russia 2045 è un progetto reale, con un team di veri scienziati che lavorano per rendere tutti immortali.
E’ stato fondato da Dmitry Itskov, negli ultimi dodici anni ha creato progetti multimediali, soprattutto su Internet, ora è interessato al prolungamento della vita, l’idea di immortalità attraverso la tecnologia cibernetica.
Dmitry Itskov, ha detto:
“Non sono uno scienziato e neanche un filosofo, non avevo idea di come ampliare l’idea per raggiungere l’obiettivo finale dell’immortalità. Ho utilizzato le mie competenze per creare un movimento sociale per aggregare scienziati, visionari, filosofi e personaggi pubblici, disposti a seguire su questo comune obiettivo.
Abbiamo già iniziato a lavorare su androidi, o avatar umani, presto ci sostituiranno fisicamente, porteranno avanti la nostra eredità spirituale e intellettuale.
Tutto ciò, al momento potrebbe sembrare fantascienza, ma in base al nostro programma di Russia 2045:
– entro il 2015, l’avatar robot umanoide sarà così popolare come lo sono le automobili oggi;
– entro il 2020, la copia robotica di un essere umano sarà controllato a distanza via BCI (Brain Computer Interface);
– entro il 2025, saremo in grado, dopo la morte, di trasferire un cervello in uno di questi avatar;
– entro il 2035 questi androidi saranno così avanzati che potranno supportare anche la personalità di un essere umano, incluso il sentimento di gelosia;
–  infine, nel 2045, l’umanità avrà creato avatar olografici in grado di portare la nostra eredità oltre le stelle, praticamente l’essere immortali”.

Gli scienziati di Russia 2045, per iniziare, hanno presentato una versione parziale di un androide che assomiglia in modo raccapricciante a Dmitry Itskov: ha alcune fondamentali funzioni di riconoscimento del viso e può muovere le braccia. Il progetto chiaramente è nelle prime fasi di sviluppo, l’androide ancora non può battere le palpebre e altro, i suoi creatori sono fiduciosi, potrà farlo nel giro di uno, due anni. Sono molto ottimisti, Russia 2045 raggiungerà il suo obiettivo in tempo utile.
Vi chiederete, oltre alla metà dell’androide, l’organizzazione di Russia 2045, cos’altro ha realizzato?
Bene, è riuscita a reclutare 5.000 membri provenienti da diversi paesi, ha definito diversi progetti (su alcuni ha iniziato a lavorare), ha ricevuto la benedizione e il sostegno del Dalai Lama, ha ottenuto il sostegno della Federazione Russa Ministero dell’Istruzione e della Scienza, e, soprattutto, hanno avuto l’adesione dell’attore Steven Seagal, si è già messo in fila per avere un corpo artificiale. Come riportato da Russia Oggi, ha scritto una lettera a Puntin:
“Sostenga lo slancio verso una qualità della vita nuova e migliore. Potremo riparare o addirittura ricreare completamente organi e parti del corpo di chi soffre o rischia di morire a causa di malattie o ferite. Ad esempio, una persona che abbia perso le gambe in seguito a un incidente, potrà averne di nuove e gli invalidi potranno tornare a una vita normale. Siamo davanti a una delle più incredibili rivoluzioni scientifiche di tutta la storia dell’umanità. Per me è un grande onore fare parte di questo movimento.
Sono fiero che proprio in Russia si siano resi conto della necessità di sviluppare questo tipo di tecnologie e che i fondatori di questa scienza siano grandi ricercatori e studiosi russi; con l’aiuto di queste tecnologie l’umanità potrà compiere un incredibile salto verso una qualità della vita assolutamente nuova e migliore”.
Dmitry Itskov, sul sito web Russia 2045 e nei suoi materiali di propaganda ha fatto in modo di rendere tutto credibile. Ha detto:
“E’ nostro diritto di essere liberi e immortali, sono pronto a dedicare tutta la mia vita per realizzare questo sogno“.

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento