I robot sciatori ottengono le proprie Olimpiadi invernali sulla montagna della Corea del Sud (Video)

L’evento della competizione in Corea del Sud chiamato “Ski Robot Challenge” comprendeva la partecipazione di otto squadre di robotica di università, istituti e aziende private. I singoli robot hanno gareggiato su una pista da sci lunga 79 metri al Welli Hilli Ski Resort, a un’ora di macchina a ovest di Pyeongchang.
Le squadre per vincere il premio di 10.000 dollari, dovevano seguire alcune regole di base: ogni robot nella forma doveva essere umanoide, con due gambe e giunture simili a ginocchia e gomiti. Dovevano anche essere alti almeno 50 centimetri, usare un alimentatore indipendente e utilizzare regolari bastoncini e sci, oltre a sensori di fotocamera per rilevare le porte blu e rosse lungo il percorso della pista da sci per principianti.
Il vincitore del premio di 10.000 dollari è stato il robot più piccolo in gara: TaekwonV, costruito dalla società di robotica sudcoreana Minirobot, ha percorso la discesa in 18 secondi.

La Corea del Sud è la patria ideale per gli sport robotizzati. E’ uno dei paesi tecnologicamente più avanzati al mondo, nel mese di gennaio per il secondo anno consecutivo ha superato il Bloomberg Innovation Index (l’indice indica i paesi utilizzando sette criteri, tra cui la ricerca, lo sviluppo e la concentrazione di società pubbliche ad alta tecnologia).
La BBC riferisce che i giganti tecnologici della Corea del Sud come Samsung e LG ogni anno aiutano il paese a vendere più robot di qualsiasi altro oltre alla Cina, 95 volte più grande e 25 volte più popolosa.
Gli organizzatori sperano che la gara contribuirà a portare più attenzione alla fiorente industria robotica della Corea del Sud.
Kim Dong-uk organizzatore della manifestazione a Reuters ha detto:
«Penso che in futuro i robot avranno i loro giochi invernali a margine delle Olimpiadi organizzate per gli esseri umani».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento